background img
parl-ven-3

DOMANI IL PARLAMENTO VENETO COMMEMORA LE VITTIME DEGLI OMICIDI DI STATO PER RAGIONI ECONOMICHE

giugno 24, 2015

Si riunisce a Mestre l’organo legislativo della Repubblica Veneta mentre la nostra Terra è sconvolta dall’ennesimo suicidio di stato. Gianluca Busato: “indipendenza per non finire nel baratro”.

parl-ven-3[Venezia, 24 giugno 2015] – Domani 25 giugno alle ore 20.30 presso la sala conferenze dell’hotel Pini in via Miranese 176 a Mestre torna a riunirsi nella sua terza seduta aperta al pubblico il Parlamento Provvisorio della Repubblica Veneta, che oggi ha attivato un nuovo sistema informatico on line per il deposito dei progetti di legge e dei documenti parlamentari.

La seconda seduta del 29 maggio scorso, oltre all’istituzione delle commissioni parlamentari, aveva approvato una dura risoluzione in cui condannava e censurava “l’abuso di credulità popolare effettuato nei confronti dei cittadini veneti nel corso degli ultimi decenni da parte del movimento politico lega nord che ha millantato una difesa delle istanze territoriali puntualmente tradite dalle proprie scelte politiche contrarie all’indipendenza della Repubblica Veneta e puntualmente condotte nel corso degli ultimi 25 anni”.

Domani all’ordine del giorno, oltre alla presentazione della relazione della Delegazione dei Dieci della Repubblica Veneta sul Progetto di Cittadinanza Digitale Veneta e all’approvazione della composizione delle commissioni parlamentari, che quindi inizieranno a fare il proprio lavoro di analisi sulle proposte di legge da proporre alla votazione del Parlamento, vi sarà anche la discussione sulla gravità della situazione socio-economica del Veneto, con la commemorazione di tutti i suicidi di stato per ragioni economiche, proprio nel momento in cui si registra il suicidio dell’imprenditore Egidio Maschio.

A questo proposito Gianluca Busato, presidente del Parlamento Veneto, ha dichiarato: “si è ucciso oggi un capitano dell’industria veneta. Anzi no, lo ha ucciso lo stato italiano. E’ infatti sempre più chiaro ed evidente a tutti che fare impresa in Italia è diventata un’avventura assurda e al di fuori di ogni logica e ogni giorno di più perde qualsiasi senso investire in uno stato in completo degrado che ha deciso di nutrirsi in modo parassitario delle risorse e delle speranze dei propri cittadini”.

“Tutto il Veneto è sconvolto da questa ennesima tragica notizia, che colpisce chi era ritenuto essere al di sopra di ogni rischio. Egidio Maschio è stato un grande imprenditore e un grande veneto che ha fatto la storia imprenditoriale della nostra Terra e che oggi rappresenta l’emblema del fallimento della speranza sotto la morsa del peggiore inferno fiscale del mondo occidentale, il burosauro odiato in ogni dove dai propri sudditi”.

“L’unica via di uscita è la nostra piena indipendenza, come hanno decretato in modo plebiscitario oltre 2,1 milioni di veneti, l’89,10% dei votanti nel referendum di indipendenza del Veneto del 16-21 marzo 2014”.

Ufficio stampa – Plebiscito.eu


Categories
  • All’invito del Presidente Busato un’assemblea si alza in piedi: un minuto di silenzio accomunati dal dolore nel ricordo di uomini valorosi, ultimo l’imprenditore Maschio, che soccombono ad uno stato assassino.
    Da qui, da questa pausa sembrava poi scaturita la volontà di correre.
    Volevo esserci, per testimonianza prima di tutto.. sono fortunata che amici mi danno un passaggio.. così ho potuto assistere all’avvio di una road mapp tutta tesa alla realizzazione del nostro sogno che diventerà realtà. La costruzione della nostra Repubblica Veneta è iniziata secondo linee precise che vedranno all’opera le varie commissioni.. la composizione è fissata e il calendario dei lavori pure.
    Saremo presto cittadini veneti… e saremo poi felici di sostenere la nostra Repubblica Veneta perchè sarà equa, efficiente e giusta nel rispetto delle persone e saprà provvedere alle loro necessità e corrispondere alle loro aspirazioni.
    Una grande serata… consiglio a tutti quelli che possono di assistere almeno qualche volta a queste assemblee che vedono riunito il Parlamento Veneto: se ne ricava una grande fiducia e la certezza che si arriverà alla meta.

    caterina 26 giugno 2015 10:38
  • …la corte costituzionale(bolscevichi e borbonici) ce l’ha messo in culo!… a quando le barricate?

    WSM

    enrico 26 giugno 2015 10:51
  • Enrico guarda che plebiscito ha già fatto il referendum. Adesso spero che gli altri movimenti indipendentisti aprino gli occhi. Ma poi si sapeva che avrebbero bloccato il referendum regionale, quindi nulla di strano. Intanto plebiscito continua a testa alta per la sua strada senza farsi intimorire dallo stato dittatore

    Leo 26 giugno 2015 11:23

Love me with a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *