background img
formazione-obiezione-treviso

Formazione Uffici Pubblici sull’Obiezione Fiscale – Area di Treviso

maggio 26, 2014

formazione-obiezione-trevisoIn un ottica di formazione degli uffici pubblici della nuova Repubblica Veneta si organizzano degli incontri di formazione per tutti gli uffici esercenti, per chi è in procinto di aprirne uno e per chi vuole saperne di più per poi mettersi a disposizione degli uffici stessi.

Il primo incontro avrà luogo nella mattina di Sabato 31 Maggio 2014 alle ore 09:00

presso la sala riunioni della ditta Olistica – via Giuseppe Verdi, 1/A a San Zenone degli Ezzelini (TV)

Il corso si propone di fugare in modo definitivo ogni dubbio, perplessità o ancora difficoltà espressiva nel rapportarci con i cittadini che desiderano aderire all’obiezione fiscale.

Si avrà modo e tempo di fare tutte le domande necessarie per tornare a casa con le idee chiare e diventare a nostra volta portavoce dell’iniziativa e affrontare l’argomento dell’obiezione fiscale con serenità e padronanza dell’argomento.

Per chi vuole prendere appunti si chiede di venire muniti col necessario. Durante lo svolgimento non verrà fornito alcun materiale in modo da rimanere concentrati sull’esposizione, eventuali dispense verranno inviate successivamente via email da leggere con calma.

Durata: 2 ore
Relatore: Dott. Alberto Marsotto – Commercialista

Plebiscito.eu
Repubblica Veneta


Categories
  • ah, sì, è necessario formare il supporto vero per i tempi a cui andiamo incontro.. chissà quanto durerà l’Italia dei pensionati, degli addetti alle strutture e invasive burocrazie statali italiote, dei foraggiati parolai e spendaccioni mantenuti a Roma e a Bruxelles! dobbiamo attrezzarci per sopravvivere e superare questo periodo critico, fin che saremo fuori dall’inghiottitoio delle sabbie mobili… dobbiamo salvaguardare e proteggere le potenzialità dei Veneti come un dovere verso la nostra gente per traghettarla nella società liberà della nostra Repubblica Veneta!
    il mio sogno,irrealizzabile, avere trent’anni di meno, ma quello spero realizzabile, assistere alla rinascita dell’entusiasmo e della voglia di fare dei Veneti, che sapranno trovare la strada per uscire dal guado e riemergere.

    caterina 27 maggio 2014 9:02
  • NESSUNO LO SA.
    NESSUNO NE PARLA.
    TUTTO E’ STATO FATTO DI NASCOSTO ALL’OPINIONE PUBBLICA.
    tv, giornali, mass media, nessuno scrive o parla…
    QUESTA E’ L’EUROPA che si meritano coloro che sono andati a votare per il parlamento europeo.
    UNA BANDA DI CRIMINALI CHE ATTENTANO ALLA NOSTRA VITA QUOTIDIANA TUTTI I GIORNI.
    La nuova trappola degli eurocrati: il “Fondo Europeo di Redenzione.-
    Andate su Google a leggervi di cosa si tratta.
    NON PIANGETE SUBITO, MA DOPO AVER LETTO TUTTO, MA VERMANETE TUTTO.
    Scusate se vi auguro buona giornata !!!
    WSM

    giancarlo 27 maggio 2014 11:26
  • …nuove tasse in arrivo Giancarlo… e noi sempre BONI che fa rima co c….

    mauro/1 27 maggio 2014 12:07
  • Mi sembra, inoltre, sia già stata avviata da poca anche l’implementazione del Transatlantic Trade Intercontinental Partnership (TTIP). A seconda dei punti di vista, potrebbe essere un’altra bella rogna, soprattutto per un paese così malandato come l’Italia!

    F.I. 27 maggio 2014 12:13
  • Pardon…TRANSATLANTIC TRADE INVESTMENT PARTNERSHIP

    F.I. 27 maggio 2014 12:15
  • @MAURO/1
    Hai ragione a scrivere questo.
    La gente sembra non avere più cervello e curiosità di sapere. E’ in balia di sé stessa e di coloro che continuano a propinarle bugie e false speranze.
    RENZI non è da meno. Vedremo quando i nodi, quelli veri, arrivano a scadenza.
    Sono veramente arrabbiato di come la gente sottovaluta tutto e tutti e quindi arrivo alla conclusione che chi non si “ribella” merita la sua disgrazia economica prossima ad arrivare.
    PAREGGIO DI BILANCIO + M E S + FISCAL COMPACT + FONDO DI REDENZIONE = Disfatta economico sociale per l’Italia. Ecco spiegato perché noi Veneti vogliamo assolutamente un nostro stato e ai voglia che entreremo in Europa alle loro condizioni MA solamente alle nostre….vero ???
    WSM

    giancarlo 27 maggio 2014 14:31
  • Condivido Giancarlo, mi capita spessissimo grazie al mio lavoro di discutere di problemi italiotti e non c’è nossuno, ribadisco nessuno che dica: sono contento di come vanno le cose in Italia.Potranno essere contenti del proprio lavoro perchè guadagnano più o meno bene, ma quando si parla più in generale no! Io non sò quanto ci vorrà affinchè i Veneti si rendano conto che solo uniti tutti , di vari colori politici, potremo ribaltare uno stao d’animo rovinato da un’Italia che ci ha prosciugato anche i fiumi.Non per lasciare le rogne agli altri però ragazzi, L’italia è un tumore inguaribile!!!

    mauro/1 27 maggio 2014 16:12
  • -L’ignoranza impera.
    -Il personalismo e l’egoismo dividono.
    -L’ideologia politica rovina i cervelli.
    -I nostri giovani non servono più a nessuno.
    -Evviva il verminaio italico composto da vecchi
    ipocriti, stantii, menefreghisti e infingardi.
    Ringraziamo quei Veneti che hanno alzato la schiena e la testa ed hanno creato una alternativa valida a questo paese infernale dove chi comanda e governa ha già venduto la nostra dignità all’europa ma dimenticandosi di fare i conti con l’oste.
    L’oste siamo noi e tutti i Veneti che vogliono a tutti i costi la libertà ed un futuro migliore che ce lo meritiamo. Quindi facciamolo !!
    WSM

    giancarlo 27 maggio 2014 18:39
  • Io sono fortemente convinto che l indipendenza oramai sia l unica salvezza ed il processo oramai irreversibile però vokevo avvisare che x alcune persone anche simpatizzanti,iniziano ad avere la senzazione che il processi sia solo virtuale,é un sentoe molto pericoloso!

    david 28 maggio 2014 7:28
  • D’accordo con te David quando dici che molti, pur avendo votato positivamente al referendum digitale, cominciano a percepire la cosa come una cosa molto effimera.
    Sarebbe una cosa utile che Plebiscito divulgasse, per esempio, il lavoro che hanno già svolto in termini di programmi, contatti etc…etc…, i ministri proclamati ad Abano Terme. In questo modo si potrebbero divulgare novità, in modo da tenere vivo l’interesse e il tema indipendenza tra la gente.

    F.I. 28 maggio 2014 9:00
  • Inizia a passare del tempo dalla data della proclamazione dell’indipendenza veneta,si sanno più o meno i tempi per l’effettiva indipendenza?noto che giorno dopo giorno ci sono novità ma vorrei capire le tempistiche a grandi linee.Grazie

    Jotaro 28 maggio 2014 12:35
  • tusi? ma sio drio insemenirve tuti ??? sbaglio o plebiscito.eu è apartitico ? sbaglio o l’indipendenza del VENETO va la di là di ogni nostro credo politico ? no parchè sa sbajo alora no go capio ninte de quel che semo drio fare ! premetto che io sono uno di quelli che non è andato a votare ma in ogni caso non significa nulla ! io conosco un sacco di persone che sono per il Veneto indipendente ma che sono andate a votare: gli stessi votati molte volte non vorrebbero essere tagliani ! quindi bando alle ciance, testa basa e vanti tuta verso l’indipendenza WSM

    ZORDANS 28 maggio 2014 12:52
  • Hai perfettamente ragione Zordans!
    DURI I BANCHI FIOI!

    erik 28 maggio 2014 13:49
  • A tuti quei che lexe el nostro sito digo che stemo laorando.
    Anca ancò son andà a NEGRAR a distribuir i volantini par l’esension fiscal e gò poduo parlar con diversi negosianti i quali i me gà dito che i farà stà obiesion fiscal.
    Tuti jè rabiadi par le tasse e tuti jè consapevoli che l’andarà sempre pexo.
    Tuti i volontari, i quadri e i 10 saggi stà laorando come mati par far presto e speremo che anca i veneti i possa aiutarne in stò gran laoro che stemo faxendo anca par chi parla, scrive, ma non fa gnente de concreto come tuti nojaltri.
    Dovemo averghe fiducia reciproca. Demose da far tuti anca parlando con altri Veneti e via dixendo.
    Ormai non se torna pì indrio !!!
    Semo indipendenti e dovemo crear lo stato veneto con le nostre man e l’aiuto de tuti.
    WSM

    giancarlo 28 maggio 2014 15:40
  • Se qualcuno vuole erudirsi su come un cittadino deve comportarsi al giorno d’oggi consiglio la lettura del libricino: DISOBBEDIENZA CIVILE di Gianfranco Miglio e Henry David Thoreau edito da Mondadori, Milano 1993 e ripubblicato da LIBERO.
    E’ molto istruttivo e sembra scritto oggi !!!!
    WSM

    giancarlo 28 maggio 2014 15:44
  • Ormai in questi dialoghi ci siamo solo noi ad incitarci l’uno con l’altro. Spero solo che comunque ogniuno di noi possa ogni giorno propagandare sempre di più questo proggetto di indipendenza in tutti i luoghi che fraquantiamo, con garbatezza, ma con tenacia, ed è quello che ci ha contraddistinto fin’ora.C’è ancora purtroppo tanta gente diffidente, cioè paurosa del cambiamento, ed è quella fascia che magari con maggiori sacrifici, riesce a cavarsela pur rendendosi conto che tutto dovrebbe cambiare. Chissà, proviamo a convincerli noi

    mauro/1 28 maggio 2014 18:03
  • Gli scettici si convincono purtroppo con dati di fatto. Se una persone è dubbiosa sull’idea di una Repubblica indipendente l’unico modo per convincerla è mostrargli tutta l’organizzazione del nuovo stato: nero su bianco (istruzione, sanità, difesa, parlamento, tasse ecc….)E soprattutto mostrargli che ogni settore ha bisogno di una destra, di un centro e di una sinistra. Tutte queste cose se ben organizzate insieme convinceranno a mio avviso le persone.

    mikivr 28 maggio 2014 18:38
  • Hai ragione MIKYVR, bisognerà parlare di più di cose concrete ma credo che l’organizzazione punti per il momento ad ottenere al più presto l’indipendenza, anche se da incontri cui ho assistito, non si parla quasi altro che organizzare il benessere futuro dei VENETI.I problemi particolari vedrai, spetteranno ai futuri amministratori, che lotteranno per Ottenere quei posti di comando, adatti a far diventare il nostro nuovo Stato Unico al Mondo.

    mauro/1 28 maggio 2014 19:27
  • non siete stanchi di raccontare sempre la stessa merda a tre o quattro. Chi vi paga ?

    carlo.stuffin 28 maggio 2014 20:54
  • Scusami CARLO.STUFFIN ma per te il concetto di libertà e benessere sono merda? O ti senti così insicuro da aver bisogno di nasconderti dietro a squallidi commenti per eprimere ciò che pensi?

    mikivr 28 maggio 2014 21:00
  • A CARLO.STUFFIN:
    Scusami sai ma puoi avere anche valide motivazioni per contraddire le idee che qui vengono scambiate ma se sei così sicuro che tu hai ragione e tutti gli altri torto perché non ci illumini DETTAGLIATAMENTE senza riportare le solite banalità uscite dalle bocche spaventate di persone non abituate a riflettere e a confrontarsi in maniera costruttiva?

    mikivr 28 maggio 2014 21:39

Love me with a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *