background img
avvoltoi

I DUE MATTEO SPARRING PARTNER PERDENTI MENTRE IL BUROSAURO LANGUE

novembre 24, 2014

Le ultime Elezioni regionali dimostrano che gli italiani odiano lo stato italiano. indipendenza del Veneto unico salvataggio dal disastro del peggiore inferno fiscale del mondo

avvoltoiLe elezioni regionali in Emilia-Romagna (più che quelle calabresi) un pochino riguardano anche i veneti, se non altro per vicinanza geografica e condivisione di un regime statale che ci accomuna come schiavi.

L’Emilia-Romagna infatti è una delle poche regioni assieme a Veneto e Lombardia che paga più tasse di quanti servizi riceva e quindi desta interesse la risposta che ha dato nella giornata di ieri.

Si conferma uno scenario in grande mobilità, in questo caso verso l’uscita dal sistema politico dello stato italiano, con un’astensione monstre che supera il 62% degli aventi diritto al voto. È ormai chiaro ed evidente a tutti che questo stato è odiato in ogni dove dai propri sudditi (non possiamo certo chiamarli cittadini).

Anche la novità politica di una destra in sfacelo capitanata dalla lega in salsa tricolore ci restituisce un Salvini leader dei perdenti, nonostante i minuetti, le inversioni di rotta e gli scioperi fiscali abortiti. Chi oggi anche in Veneto pensa di allearsi a questa accozzaglia di capitan fracassa sta prendendo un granchio colossale. Quale è infatti la differenza tra uno Zaia e una Moretti, ai fini dell’indipendenza del Veneto? Nessuna, perché tutti e due si abbeverano alla fonte inquinata del sistema statalista italiano.

RU-CINA nuove vie della seta_bigPer fortuna però la musica del prossimo futuro per noi si prospetta ben diversa, perché nel mondo esistono spartiti ben più ispirati rispetto a quello italiano, oramai in crisi irreversibile da oltre un ventennio. Esiste infatti un nuovo progetto strategico, disegnato nell’antichità da un nostro connazionale e oggi riportato a nuova luce da una potenza mondiale, che vede in Venezia il baricentro dei nuovi equilibri del mondo che verrà. Per essere pronti a godere dello sviluppo che scaturirà da un cambiamento epocale, grazie alle nuove vie di comunicazione in corso di realizzazione entro pochi anni, Venezia e il Veneto necessitano da subito di indipendenza, per poter assumere le decisioni che servono in un mondo sempre più interdipendente.

Infine l’annuncio di una sorpresa. Se #Matteo1 ha già sprecato l’enorme popolarità (dopata) che pareva uscire dalle urne delle elezioni europee e #Matteo2 ora si trova prigioniero nel sacco senza speranza della politica italiana che tutto digerisce, noi stiamo preparando la sorpresa di un #Matteo3. Tenete a bada la curiosità però, perché le novità saranno svelate tra un po’ di giorni.

Nel frattempo, per affamare la bestia morente, ricordiamoci che dargli da mangiare pagando le tasse è un grave errore, oltrechè immorale, mentre si possono già avvistare in cielo i neri avvoltoi internazionali che sorvolano il deserto socio-economico della penisola per spolparsi le carcasse del burosauro, il peggiore inferno fiscale del mondo. L’unica salvezza si chiama indipendenza del Veneto (e anche di tutte le altre regioni).

Gianluca Busato
Presidente – Plebiscito.eu


Categories
  • Nell’italietta, un referendum di iniziativa popolare non é ritenuto valido se non si presentano al voto almeno il 50% degli aventi diritto. Le due elezioni regionali tenutesi ieri non hanno ottenuto questo quorum, ma il voto é valido per nominare due Presidenti e di Regione e dei consiglieri “rappresentanti del popolo”. Questo stato occupante é un avvoltoio disgustoso ! Spero che la “gallina padovana” che si vuole scarnare sia stata geneticamente modificata dai Veneti con l’aggiunta di arsenico nel DNA.
    Par mar , par tera , San Marco

    Wotan 24 novembre 2014 16:26
  • Mi auguro che la certificazione del referendum,sia avvalato quanto prima dagli organi internazionali competenti e qundi si possa procedere al l’iter per ottenere la sospirata ed agognata indipendenza. Credo fermamente che a quel punto non ci siano piu’ scuse per non sostenere la causa peril nostro futuro,ma soprattutto per i nostri figli e le generazioni che cresceranno sulla terra veneta. Dobbiamo essere consapevoli che questa e’ l’unica via per rimanere in Veneto, l’altra e l’emigrazione come i nostripadri.
    WSM

    max 25 novembre 2014 10:01
  • Certo che con la certificazione avremmo una carta importante da far valere.
    Vorrei vedere chi sarebbe in grado di smentire l’OSCE…..e la nostra certificazione del referendum !
    Certo, non sarebbe tutto automatico ed immediato , ma intanto gli italioti non potrebbero più ignorare il dato di fatto e di diritto con cui i VENETI si sono proclamati indipendenti.
    Ho visitato il sito dell’OSCE……non riesco a trovare nulla circa il controllo sul nostro referendum…..PLEBISCITO.EU può dare link o maggiori dettagli dove trovare il riferimento sull’OSCE ? Grazie !!!
    WSM

    Fil de Fer 26 novembre 2014 11:47
  • Fil de Fer, mi hai messo la curiosità di andare a vedere cos’è quest’OCSE, che mi sembra un’enorme macchina burocratica che serve a dare a qualsiasi organismo decisionale una parvenza di giudizio neutrale quando si sa benissimo che tutti coloro che vanno a finire lì hanno i loro referenti politici nei vari stati che li orientano…
    La commissione cui mi sembra Plebiscito è ricorso non è OCSE ma ha l’ok dell’OCSE, il che è un pochettino differente per quel che riguarda indipendenza e affidabilità…ma non si sa…
    Io non mi fiderei di nessuno ad occhi chiusi, ma solo della validità scientifica di strumenti asettici come computer e telefoni, perciò di noi che li abbiamo usati e abbiamo votato e perciò a questo punto vorrei tanto che ci credessimo fino in fondo e andiamo avanti per la nostra strada.. la forza dei numeri ci dava ragione ed è un peccato a questo punto rinviare a un sine die… è quello su cui infatti i nostri nemici contano!
    Le ultime votazioni seppur parziali ci facciano riflettere…

    caterina 26 novembre 2014 12:30
  • saprete per certo che la gallina dal culo d oro non puo’ essere mollata e che la maggior parte delle forze del ordine sono meridionali servi taliani unica fare tanta propaganda e poi via .via .via.

    oiram 30 novembre 2014 9:22
  • il leone sta sbranando la lupa vecchia smunta ladra va leon va.

    oiram 1 dicembre 2014 8:50
  • vorrei sapere i movimenti per indipendenza veneti collegati a plebiscito di busato.

    oiram 9 dicembre 2014 9:58
  • vorrei sapere i movimenti per indipendenza veneti collegati a plebiscito di busato ciao

    oiram 9 dicembre 2014 10:00
  • stiamo nelle fogne.prima 1 generale adesso 50 caporali.

    oiram 10 dicembre 2014 15:49

Love me with a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *