background img
venetia

INDIPENDENZA DEI POPOLI UNICA SALVEZZA CONTRO I NEONAZISTI D’OCCIDENTE

marzo 14, 2016

Le elezioni tedesche con la vittoria di AfD confermano la crescita dei partiti razzisti e xenofobi in tutto occidente. Solo l’indipendenza delle nazioni storiche senza stato fermerà gli intolleranti

MerkelLe elezioni statali tedesche segnano un nuovo punto nella crescita dei movimenti nazionalistici xenofobi e razzisti in Europa e in occidente più in generale, favoriti dall’impatto sociale della politica estremamente favorevole all’accoglimento di rifugiati di Angela Merkel. Su questo punto non critichiamo la cancelliera tedesca, semplicemente rileviamo – con il senno di poi – che è stato sottovalutato l’aspetto organizzativo e si sono abbracciate troppe politiche “buoniste”, tanto da causare malumori sociali su cui hanno marciato alla grande gli xenofobi.

Al di là dell’impatto mediatico della questione profughi, su cui una grande responsabilità hanno anche gli organi di informazione, il populismo di questi movimenti trova la propria linfa maggiore nell’alienazione sociale di sempre più ampie fasce di popolazione che si trovano emarginate culturalmente e in estrema difficoltà ad inserirsi nel ciclo produttivo nel mondo moderno a causa del loro analfabetismo professionale.

L’ovvia ricetta dei vari Salvini (l’Italia si differenzia in peggio dagli altri stati anche nella maggiore idiozia politica dei leader populisti) è sempre la solita che si ripete dai tempi del fascismo e del nazismo. Ovvero, innalzare muri, protezionismo, no euro, deficit spending e via libera all’intolleranza, alle discriminazioni, all’ignoranza economica e alla brutalità civile. Illudendosi di poter far tornare indietro le lancette dell’orologio e magari cancellare l’evoluzione tecnologica che ha saputo accelerare i fenomeni di globalizzazione e disintermediazione.

venetiaSlogan forti, uomini deboli che si dipingono forti e poi, se mai questi personaggi conquistassero il potere comincerebbero a comportarsi come i loro predecessori del passato: persecuzione degli avversari politici, chiusura delle fonti di informazione indipendenti e lobby corporative e con la casta che alla fine come sempre sarebbero preservate. Come facciamo a saperlo? Semplice, l’hanno sempre fatto in passato e anche oggi non sanno fare altro né hanno capito che la ricetta non è più nazionalismo e più protezionismo, bensì quella che ha saputo seguire l’Irlanda la cui economia nell’ultimo anno è cresciuta del 7,8%.

Come difendersi da tale ondata involutiva? A nostro avviso c’è una sola soluzione. Una qualche scelta le élite occidentali, o quel che ne resta, la devono fare. O scelgono la strada della libertà dei Popoli, dando il via libera all’indipendenza di Veneto, Catalogna, Fiandre, Scozia, Tirolo, Sardegna e Corsica, solo per citare alcune nazioni senza stato d’Europa e permettendo di spezzare la base populista di stati multinazionali senz’anima che oggi alimenta i neonazisti, oppure danno il via libera ai nipotini di Hitler e Mussolini. Un secolo fa fecero la scelta sbagliata. Ora speriamo che un po’ siano rinsaviti.

intelligenza-artifNel frattempo, dato che non ci fidiamo, noi continuiamo con la costruzione del Cripto-Stato indipendente, che ha dato il via alla prenotazione delle carte di identità digitali per accedervi e che per quanto riguarda la Repubblica Veneta e grazie alle tecnologie che saranno adottate, le consentirà di esercitare la propria totale indipendenza nel territorio del cyber-spazio su cui avrà il pieno controllo senza che nessuno possa interferire.

Gianluca Busato
Presidente – Plebiscito.eu


Categories
  • ho letto e riletto il discorso complesso e articolato postato dal nostro Presidente… dal quale emerge con tutta evidenza che la soluzione dei molteplici problemi che le società oggi in Europa si trovano ad affrontare si può trovare solo se i popoli sono messi in grado di liberare le proprie potenzialità, perché non oppressi da sistemi coercitivi che li snervano e li avviliscono con mastodontiche strutture mentali e fisiche che ne mortificano la creatività e ne deprimono le energie.
    Solo popoli liberi sanno risolvere i problemi del vivere creando prosperità per sè e quanti ne entrano a far parte!
    Nel passato, studiando la storia noi fummo così, poi fummo costretti ad emigrare e recentemente ancora. Ma presto saremo liberi e sapremo recuperare lo spirito di un tempo.. creativi dinamici e aperti, e ci sarà da vivere per tutti!
    La nostra Repubblica Veneta libera e indipendente fu, ma lo sarà ancora, “terra di liberta”…è nel nostro dna, lo sapremo recuperare.

    caterina 14 marzo 2016 22:47
  • Sono parzialmente d’accordo con il tuo ragionamento.Sono d’accordo quando parli di cripto stato Veneto,d’indipendenza..Ma quando siamo invasi (Veneto itaglietta e resto dell’europa)da orda di invasati islamici,nn penso che ci siano altre possibilità che fermarli!Nn ci può essere integrazione e nemmeno buonismo peloso da parte di cattocomunisti che lucrano sull’immigrazione..L’indipendentismo,è una strada certamente percorribile e auspicabile,ma nn bisogna demonizzare chi cerca di difendersi..A proposito, quanti hanno prenotato la card del cripto stato Veneto?(io si!)

    aldo 15 marzo 2016 9:20
  • ma io credo, Aldo, che ci difenderemo meglio quando avremo la piena libertà nel nostro Veneto che non sarà più costretto ad ospitare quanti ci arrivano perché mandati da Roma via prefetture…
    Potremo gestire noi l’accoglienza e l’integrazione, secondo nostre modalità e iniziative… fra l’altro non sarà inarrestabile la migrazione mentre lo sarà e sempre più variegato l’interscambio.

    caterina 15 marzo 2016 13:58
  • @ONIREIP

    Io seguo sempre con grande scetticismo, e con le spalle al muro. Se anche tu segui da tempo la questione indipendentista sai benissimo cosa è successo negli ultimi 20 anni, e quante situazioni ridicole si sono susseguite.

    Un occhio lo butto, anche se non con frequenza, allo sviluppo della vicenda su vari fronti, ma di certo non mi fido per partito preso.

    La bontà di plebiscito a mio parere era aver dato una certa visibilità col referendum digitale, che è stata una trovata intelligente e innovativa anche se a validità zero. Ma poi mi sembr ache tutto sia scemato nelle solite meccaniche note.

    Di certo non vado comunque a ingrassare qualcuno adesso regalando 150 euro per una card di un ipotetico cripto stato che parte fra 18 mesi (sempre se si raggiunge la cifra). Prima i veneto bond, poi la cripto valuta. Mah…

    Se a busato basta un milione per avviare la struttura del critpo stato non riesce a racimolarlo con la piattaforma veneto business/club eu o quel che è? O con quegli appoggi non riesce a farsi dare un prestito, un fido o compagnia bella?

    Non mi piace, o meglio non mi fido della piega che sta prendendo…

    Disfear 16 marzo 2016 18:15
    • Questa analisi è puerile e non tiene conto delle risorse e delle difficoltà di realizzazione del progetto. Non tiene nemmeno conto dell’esperienza della Repubblica di Estonia, che ne ha ispirato la visione anche sul fronte del migliore modello economico da adottare.
      Dimostra, inoltre, un atteggiamento molto italiano che privilegia il tutto gratis garantito, di sindacalese e sinistrorsa memoria. Un film già visto, insomma.

      repven_pb 19 marzo 2016 7:32
  • che pena leggere di Zaia che va a pietire a Roma un referendum per l’autonomia disposto, ci giurerei, a vendere lui, che l’ha sempre ignorato, il fantastico risultato del referendum per l’Indipendenza del 2014… è la paura dei politici attuali, tutti, seduti su scranni ben pagati, di vederlo riconosciuto anche dalla Corte dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo, cui siamo ricorsi dopo le due certificazioni internazionali…il pericolo per loro è trovarsi privati dei cordoni della borsa, cosa che sicuramente gli fa paura… è una trattativa economica, altro che amor patrio… il Veneto lo vogliono tener schiavo, non gli basta di averlo sfregiato di ferite incolmabili e sfruttato a mo’ di colonia per tutti i centocinquant’anni dall’annessione truffaldina… e già! proprio ieri con concerto a Torino festeggiavano l’anniversario della nascita del Regno d’Italia, che, ricordiamocelo noi Veneti, nasce senza di noi!
    Il Veneto è stato la loro colonia più vicina, a portata di mano, mentre i veneti a centinaia di migliaia, diventati milioni, hanno dovuto lasciarlo per cercare altrove lavoro e sopravvivenza e affermazzioni…
    Zaia che pietisce autonomia… come può essere così insensibile alla dignità del Popolo Veneto, che con orgoglio in duemilionitrecentomila e passa hanno già votato per essere indipendenti!
    Traditi da chi a mala pena è sopravvissuto alle ultime elezioni, dove chi l’ha votato l’ha fatto per non cadere fra le braccia della delfina di Renzi… ora si sta adoperando lui per trattenerci sotto gli artigli del mostro che è il governo di Roma, e sempre per una questione di soldi, tradendo dignità e diritto.

    caterina 18 marzo 2016 14:00
  • @REPVEN_PB

    Intanto manca ancora il messaggio precedente. Secondo la vostra visione è puerile. Io ho sempre seguito Plebiscito, ma se dite cose parziali o errate non faccio finta di niente, La vostra conoscenza delle cripto valute è paragonabile al gossip.

    Disfear 19 marzo 2016 13:31

Love me with a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *