background img
firma-coi

INDIPENDENZA DEL VENETO, IL COI: “I VOTI AUTENTICI SONO 2,3 MILIONI, REFERENDUM LIBERO, VALIDO, DEMOCRATICO E LEGITTIMO”

marzo 30, 2015

Consegnata dagli Osservatori Internazionali sabato a Venezia a Plebiscito.eu la Relazione Finale sul Referendum di indipendenza del Veneto del 16-21 marzo 2014. Gianluca Busato: “la maggioranza plebiscitaria favorevole all’indipendenza del Veneto è ora politicamente vincolante, ci muoveremo a livello internazionale”

coi[Venezia, 30 marzo 2015] – Sabato 28 marzo scorso a Venezia, nella splendida cornice della Sala Caminetto di Cà Vendramin Calergi, si è tenuta la storica cerimonia della consegna della Relazione Finale degli Osservatori Internazionali sul Referendum per l’indipendenza del Veneto svolto dal 16 al 21 marzo 2014. L’evento, introdotto e moderato dal prof. Romano Toppan, ha visto gli interventi della Commissione degli Osservatori Internazionale (COI) presieduta già Ambasciatore della Georgia in Italia dott. Beglar Davit Tavartkiladze e del Presidente del Comitato Organizzatore del Referendum Plebiscito.eu dott. ing. Gianluca Busato. Dopo la cerimonia si è quindi svolto nell’adiacente Sala Regia un rinfresco di ringraziamento con cocktail musicale di commiato.

firma-coiIl COI, composto da osservatori provenienti da diverse nazioni del mondo (tra le quali Stati Uniti d’America, Federazione Russa, Ucraina, Siria, Moldova, Georgia, Repubblica Ceca), e rappresentanti un arco plurale di orientamenti politici, è stato selezionato dal Presidente invitato allo scopo dal Comitato Organizzatore del Referendum secondo i principi previsti dalla Comunicazione 191 della Commissione UE in materia di assistenza e monitoraggio delle elezioni da parte dell’UE.

Tra le nomine all’interno della Commissione citiamo alcuni autorevoli esponenti, tra i quali il Dr. George Kurdadze (Georgia, Transatlantic Studies Center, NATO Project),  Dr. George Chikovani (USA, Founder member and Director of the Board Conflict Management International Institute Corp., Harvard Project), Dr. Franco Barion (Italia), Dr. Valekh Shakhverdiev (Ucraina),  Dr. Khyzir Ugurchiev (Federazione Russa), Dr.ssa Najwa Zerik (Siria),  Dr. Sergey Dedanin (Repubblica Ceca), Dr. Zviadi Tsaguriya (USA). Alcuni Osservatori nel corso delle operazioni hanno dovuto rinunciare all’incarico per ragioni di lavoro all’estero e di salute: Dr. Giovanni Stancarone (Italia), Dr. Robert De Jong, Olanda).

ricevimentoIl Final Report del COI si è composto di una lunga relazione che ha analizzato ogni fase del referendum, dall’introduzione che ha spiegato come si era arrivati ad indirlo e come si era costituito il COI secondo quanto previsto dai principi delle organizzazioni internazionali in tema di elezioni e referendum, al riconoscimento della base giuridica del referendum, all’analisi del database degli elettori, della procedura di assegnazione del codice di voto ai cittadini, alle caratteristiche della piattaforma, all’affidabilità dei dati, all’analisi delle fasi preparatorie del referendum, della sua procedura di voto, alla verifica effettuata sull’analisi dei risultati del voto che ha confermato il voto di oltre 2,3 milioni di veneti aventi diritto, di cui l’89,10% ha votato Sì all’indipendenza e a un’analisi puntuale delle eventuali irregolarità o delle difficoltà che avessero potuto inficiare la validità del voto, sino alle conclusioni che sinteticamente vengono riportate di seguito.


coi-3“La Commissione degli Osservatori Internazionali ha eseguito una serie di controlli sul piano organizzativo per garantire che questo garantisse il voto autentico, libero e legittimo.
È stato constatato che le votazioni sono state effettuate in modo responsabile e trasparente e che il sistema di votazione forniva una reale possibilità di scelta.
Le votazioni sono state svolte in un ambiente libero: gli elettori hanno potuto esprimere la preferenza, liberi da intimidazioni, violenze o interferenze amministrative.
È stata assicurata la segretezza del voto ad eccezione dei limitati casi di persone non in grado di esprimere il voto telematicamente senza assistenza.
coi-4Inoltre, il conteggio dei voti è stato onesto, senza possibilità di alterazioni, e la proclamazione dei voti è stata tempestiva.
Gli osservatori sono stati liberi di verificare, direttamente e indirettamente, tutte le fasi del processo di votazione prima, durante e dopo il periodo referendario.
Il Comitato degli Osservatori Internazionali, analizzando gli elementi sopraindicati, constata che il Referendum per l’Indipendenza del Veneto che ha avuto luogo dal 16 fino al 21 marzo 2014 compreso si è svolto secondo i principi richiesti dalle Organizzazioni Internazionali, ed, in particolare, secondo i principi del CSCE/OCSE Document of the Copenhagen Meeting, 26/06/1990.
Il Comitato degli Osservatori Internazionali considera che l’uso del voto elettronico in un ambiente controllato, come internet, crea più sicurezza e segretezza e che la procedura telematica applicata al Referendum è innovativa e minimizza la possibilità di brogli elettorali.
Il COI considera che le trascurabili irregolarità ed alcune difficoltà prima e durante la votazione possano essere minimizzate attraverso la creazione di una struttura federale permanente al fine di organizzare al meglio il processo di e-voting.
Il Comitato degli Osservatori Internazionali ha invitato i propri membri ad incontrarsi a Venezia, al fine di discutere le raccomandazioni del Rapporto Finale, il 27 e 28 marzo 2015.

Venezia, 28 marzo 2015″

La Relazione Finale del COI, dopo la sua presentazione alla stampa da parte del Presidente del COI è stata quindi firmata dagli Osservatori Internazionali presenti in maggioranza e consegnata al Presidente del Comitato Organizzatore del Referendum, Plebiscito.eu, Gianluca Busato, che ha commentato: “la Commissione degli Osservatori Internazionali, nel rispetto di quanto previsto dal diritto internazionale, conferma l’avvenuta libera e democratica espressione della sovranità popolare del Popolo Veneto a favore dell’indipendenza della Repubblica Federale Veneta con una maggioranza plebiscitaria e inequivocabile. Il Referendum per l’indipendenza del Veneto oggi diviene ufficialmente un fatto istituzionale e politicamente vincolante”.

“Plebiscito.eu ringrazia il COI per l’alto esercizio professionale e ideale che ha permesso al Popolo Veneto di esercitare e vedere riconosciuto il proprio Diritto di Autodeterminazione nel rispetto dei principi, delle norme e delle procedure previste dal diritto internazionale”.

“Possiamo ritenere cessata definitivamente ogni esigenza di svolgimento di qualsiasi altra verifica istituzionale della volontà del Popolo Veneto, ogni altro tentativo di svolgere un nuovo referendum regionale sarebbe oltreché inutile dannoso e irrispettoso della sovranità popolare certificata. Ora si apre ufficialmente una fase di relazioni con gli stati e le organizzazioni internazionali volte al riconoscimento dell’indipendenza della Repubblica Veneta”.

Venezia, 30 marzo 2015

Ufficio stampa – Plebiscito.eu


Categories
  • IL SILENZIO ASSORDANTE DELL’ITALIETTA SULL’EVENTO E’ EMBLEMATICO CIRCA LA CENSURA E QUINDI LA MANCANZA DI DEMOCRAZIA ESISTENTE IN ITALIA.
    I VENETI SE NE RENDANO CONTO PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI.

    Fil de fer 30 marzo 2015 10:42
  • Appendere manifesti in tutte le circoscrizioni, affinché rimanga stampato nella mente il messaggio che stiamo ritornando padroni della nostra terra.

    Mauro/1 30 marzo 2015 11:38
  • Cari organi della polizia italiana avete finito di molestare i veneti.

    commento 30 marzo 2015 12:44
  • Me ne rallegro. Confesso di aver dubitato anche io, in tutta sincerità, come confesso di gioire ampiamente, la notizia mi giunge alla vigilia del compleanno.

    Paolo L. Bernardini 30 marzo 2015 12:57
  • Complimenti a Gianluca Busato
    e a tutto Plebiscito.EU. Il prossimo appuntamento alle urne…

    ferdinando 30 marzo 2015 14:38
  • In pratica non servirebbe neanche più presentarsi alle elezioni regionali!
    Una volta che le procedure di riconoscimento del Nostro Stato verranno avviate, le elezioni regionali non avranno più senso di esistere.
    WSM!!!

    SANDRO 30 marzo 2015 16:03
  • Da notare che nemmeno di fronte ad un documento di questa natura, con rapporto finale senza smagliature, emesso da una commissione internazionale indipendente, che ha applicato procedure valide a livello diplomatico internazionale, certi squallidi personaggi non smettono di fare insinuazioni volgari e meschine, basate sul nulla, circa l’irregolarità del voto. Tra costoro emerge per nefandezza al momento un povero fallito (circondato da pochi intimi affezionati, membri del club della briscola), fino a pochi mesi esponente di primo piano di Plebiscito. Andate a cercarvi cosa questo ed altri altrettanto squallidi individui dicevano circa il movimento e le azioni portate avanti quando loro ne facevano parte. Tutto era perfetto, una potenza assoluta, sprizzavano orgoglio da tutti i pori. Poi dal momento in cui se ne sono andati o sono stati allontanati (per grande fortuna di tutti aggiungo), hanno cominciato ad infangare, insinuare, dileggiare, senza alcun riscontro a comprovare le loro affermazioni. Continue provocazioni, puerili e politicamente insignificanti, atte solo a testimoniare la loro natura accidiosa e vendicativa e la loro nullità morale ed etica. In questi istanti stanno lordando la rete addirittura con auguri nefasti e di pessimo gusto, che denotano degli evidenti problemi caratteriali e psicosomatici che richiederebbero con una certa urgenza un consulto medico. Non riescono proprio a mettersi il cuore in pace e ad affrontare la loro vita in un modo più rilassato? Avevano scommesso al ribasso ed hanno tristemente perso, se ne facciano una ragione e lascino proseguire il cammino iniziato a coloro che si sono assunti la responsabilità e l’onere di questo progetto. Si creino una loro vita autonoma, Plebiscito.eu non fa più parte della loro esistenza, se ne facciano una ragione e pensino a loro stessi ed alle loro famiglie, per cercare di recuperare in questo modo almeno un briciolo di dignità, altrimenti perduta per sempre

    Roberto 30 marzo 2015 16:07
  • Na felicità e comossion immensa, mi ca ghe go sempre credù no vedo l’ora che el nostro Veneto sia separà con confini precisi dal resto del teritorio talian.
    Wiva San Marco.
    Gianfranco.

    Gianfranco dall'Amico 30 marzo 2015 17:09
  • Pian. No stemo meter el car davanti i bò…che se scominze na procedura internazional par el riconosimento l’è seguro na bela notizia, ma no l’è n risultato, l’è n inizio. Ghe ne Stati perfetamente funzionanti e autonomi che da mezo secolo i speta riconosimento, figurarse noi… Nel fratempo le nostre scelte toca farle ncò parchè i clandestini par cancelarne da le carte geografiche i continua a mandarneli e a le elezion taliane de Magio chi vota riconose lo stato talian e chi no vota (o vota chi no pol vinzer) fa vinzer la Moretti che la vol distruger el Veneto e mandarne ncora pi clandestini. Se l Parlamento eleto fose bon e maturo el so primo ato dovrie eser quel de proibire le elezon taliane e far arestar quei che le organiza, a scominziar da i prefeti…

    Stropol 30 marzo 2015 17:33
  • riguardo alle elezioni regionali prossime,
    anche se…non ci servono….e’ giusto e doveroso parteciparvi e votare per il nostro candidato (G. Luca bustao)….al fine di mettere KO…quanto prima possibile
    la partitocrazia veneta…che poi sarebbe una propaggine periferica della partitocrazia italiana.
    WSM

    Blix 30 marzo 2015 17:41
  • Mi aggiungo al giubilo comune. Per noi volontari che tanto abbiamo dato durante quel periodo e i cui frutti si vedono ancora a distanza nel tempo è una gioia immensa!
    Concordo, ora in massa votiamo veneto si e mettiamo KO la partitocrazia italo-veneta! Dobbiamo agire su tutti i fronti per vioncere e non lasciarne scoperto nemmeno uno!

    erik 30 marzo 2015 20:44
  • Perché Plebiscito.eu non pubblica online questa “relazione finale”?

    L’unica affermazione che sentiamo nel breve filmato è che il comitato degli osservatori internazionali riconosce che le elezioni si sono svolte secondo i principi del c.d. “documento di Copenaghen”, e cioè (per chi ha letto il documento) che sono state *libere*. Nulla viene invece detto sulla “autenticità” degli oltre due milioni di voti conclamati da plebiscito.eu. Credo sia nell’interesse di plebiscito.eu, e del Veneto tutto, che se davvero la relazione finale certifica l’autenticità dei voti essa sia resa al più presto pubblica nella sua interezza.

    Potreste render disponibile online la relazione finale? 30 marzo 2015 22:59
  • “Inoltre, il conteggio dei voti è stato onesto, senza possibilità di alterazioni, e la proclamazione dei voti è stata tempestiva”. Basti per ora questa frase virgolettata riportata nelle conclusioni. A tempo debito (e breve), allorché Plebiscito.eu lo riterrà opportuno e conveniente sarà pubblicata la relazione finale completa.

    Gianluca Busato 31 marzo 2015 0:35
  • LA STRADA E’ STATA APERTA, ADESSO BISOGNA ASFALTARLA PER RENDERLA AGIBILE.
    Per quanto riguarda la pubblicazione della relazione finale completa, ritengo che a parte la sua pubblicazione ci si debba attivare per renderla nota a tutti i Veneti nel modo più conveniente ed esplicito con l’annotazione finale per i soli VENETI : “ADESSO O MAI PIU’ AVETE LA POSSIBILITA’ DI MANDARE A CASA TUTTI COLORO CHE VOGLIONO ENTRARE IN REGIONE VENETO PER FARE, COME AL SOLITO, GLI AFFARI LORO.
    Con PLEBISCITO.EU e VENETO SI’ la grande abbuffata dei partiti italioti può finire a tutto vantaggio del POPOLO VENETO.”
    ————————————————
    La voljo capir o si deventadi tuti dei autistici a forsa de pagar tasse e super tasse ??? SVEJEVE !!! SVEJEVE !! Lo digo specialmente ai siori industriali Veneti che me par i spera ancora nel sistema italiota.
    Col Veneto indipendente i podaria spenda manco de burocrasia e de tasse par no parlar del sviluppo che podaria averghe le loro industrie. Sinceramente i loro interessi no i podarà più essa foraggiadi dal sistema italiota che el stà in piè con i puntei de BCE,FMI, e adesso con euro basso,petrolio basso e tassi de interesse bassi. Con un + 0,1-0,2 etc..del PIL che i dixe ….. con stà situasion favorevole qua che ghe xe adesso..dovaressimo averghe dei + 2 +3 +4% del PIL no ve par ? Chi pol dir quanto la durarà stà situasion favorevole qua???
    La ripresa esonomica anca con EXPO e el GIUBILEO la portarà solo altri skei alo stato e gnente ale fameje da parte dei turisti.
    Par chi ghe crede ancora all’italia ghe fasso i me auguri più sinceri de podersela cavarsela ancora par qualche semestre.
    WSM

    Fil de fer 31 marzo 2015 10:32
  • Busato lei e’ fantastico. In meta’ dei paesi di cui fanno parte i relatori internazionali di fatto non esiste un governo, trovo la scelta alquanto singolare e discutibile. Alcuni nomi sono del tutto sconosciuti ed uno risulta omonimo di un attore ( a meno che non sia l’attore). Per trovare delle informazioni devo cercarli su linkedin, ah si, andiamo bene. Franco Barion chi e’? il sistemista delle Assicurazioni Sara? Chi li ha scelti? Paperino? Sinceramente visto che siete alla ricerca di essere riconosciuti mi sarei affidato a dei nomi di prestigio sul panorama internazionale. Sulle parole final report link a il video di youtube che dopo 24 ha segnato ben 207 visualizzazioni di cui almeno 2 le ho fatte io. La invito a leggere bene questo passaggio perché forse leggendolo qualche volta si accorge del controsenso “È stata assicurata la segretezza del voto ad eccezione dei limitati casi di persone non in grado di esprimere il voto telematicamente senza assistenza.
    coi-Inoltre, il conteggio dei voti è stato onesto, senza possibilità di alterazioni”. E’ stata assicurata la segretezza del voto a parte qualcuno???? Come l’avete verificato che un membro della famiglia abbia votato per tutti gli altri? Mi piace quando dice che se Plebiscito lo riterrà opportuno pubblicherà la relazione completa. Quando finalmente si avventura nel rispondere sul forum cita un virgolettato che stento a credere le sia venuto in mente da solo. Raccapricciante.

    Claudio 31 marzo 2015 10:39
  • Michele De Vecchi 31 marzo 2015 12:23
  • @CLAUDIO ma lei sarebbe veramente quel tal sig. CLAUDIO H. autore dei fantastici commenti citati nell’articolo postato sopra dal sig. MICHELE? Ma non ha niente di meglio da fare che tentare di infangare il lavoro svolto da tante persone volonterose la cui correttezza è stata certificata senza dubbio alcuno da personalità al di sopra delle parti? Visto che pare avere anche una certa spocchia intellettuale, e probabilmente avrà veramente delle qualità superiori alla media dei comuni mortali, perché non le utilizza per qualche finalità più elevata ed importante per il bene dell’umanità? C’è tanto bisogno in giro per il mondo di cervelli come il suo, veda di utilizzarlo meglio altrove per cortesia

    ALBERTINA 31 marzo 2015 15:14
  • Albertina non farti abbindolare dal modo di scrivere di questo claudio. infatti dalla scrittura potrebbe essere un intellettuale,ma il senso di quello che scrive è antico e già superato.Fidati, persone di quel tipo è meglio lasciarle stare, ignorarle, purtroppo la loro intellettualità (uguale a zero) è antica ma soprattutto la usano per i loro scopi. Se noti ad ogni annuncio pubblicato su questo sito, ce sempre qualcuno che fa zizzagna.Lo sanno benissmo che la certificazione è valida ma fanno di tutto perchè qualcuno caschi nella loro trappola, e sono contento che esistono persone come claudio perchè a loro insaputa testimoniano la nostra forza e l’efficacità di quello che stiamo facendo

    VEROVENETO 31 marzo 2015 17:53
  • Albertina, lei parla di me, pensa di me, consiglia me. Sono contento che si preoccupi così tanto per me. Non sono il claudio citato da quel link il cui contenuto mi pare alquanto inutile. Le personalità al di sopra delle parti sono state nominate da chi ha indetto il referendum e chi lo ho indetto non è al di sopra delle parti. Non serve una laurea per capirlo quindi ci può arrivare anche lei. Il mio cervello che sia utilizzato altrove oppure no non le compete. Questo è un forum aperto a tutti e non solo a simpatizzanti del si altrimenti si dovrebbe leggere da qualche parte che chi è critico nei confronti dell’indipendenza del veneto non sono i benvenuti. Tutte le volte che ho posto domande qui non ho mai avuto delle risposte stranamente. Evidentemente passeremo da uno stato che prende in giro ad un altro che ci prende ancora più in giro, non c’è problema, ci saranno persone come lei e gli altri a cui piace essere presi in giro. A me non piace. Non si preoccupi che non passavo da queste parti da mesi e visto che anche oggi siamo ben 6 utenti in linea direi che di numeri relativi i risultati non se ne sono ancora visti. Lei creda pure quel che vuole, io di farmi prendere in giro due volte non ci sto. Quando si gioca con la speranza dei cittadini trovo ancora più subdolo quello che sto leggendo ed il livello di risposte mi fa capire che il futuro non offre nulla di buono. Con tutto il rispetto, la saluto.

    Claudio 31 marzo 2015 17:54
  • Ringraziando il dott. Busato per l’intervento, sottolineo tuttavia che la frase “Inoltre, il conteggio dei voti è stato onesto, senza possibilità di alterazioni, e la proclamazione dei voti è stata tempestiva” NON certifica l’autenticità dei voti. E’ infatti perfettamente compatibile con uno scenario in cui 2 milioni di voti siano stati espressi da una unica persona, che abbia adottato fraudolentemente 2 milioni di identità. Tutto quello che la frase dice è che di fronte a 2 milioni di voti per il SI, POTENZIALMENTE NON AUTENTICI, plebiscito.eu ha “onestamente” e “tempestivamente” riportato 2 milioni di voti per il SI.

    E’ ovvio che plebiscito.eu può rendere (o meno) pubblica la relazione finale in tutto o in parte con i tempi e i modi che ritiene più “convenienti”, come scrive il dott. Busato. Tuttavia le modalità di comunicazione dei risultati adottate finora da plebiscito.eu appaiono a me, e a tutte le persone con cui ho discusso la cosa, molto meno trasparenti di quanto potrebbero essere; con l’effetto di minare seriamente la credibilità dei risultati stessi e più in generale di questo filone della causa indipendentista. E’ quindi purtroppo comprensibile che i media nazionali e internazionali, dopo aver dato considerevole risonanza al referendum del 2014 (alcuni, come il Giornale, con articoli nettamente a favore), abbiano quasi completamente taciuto sia sulle “elezioni del parlamento veneto” delle settimane scorse, sia sulla presentazione della suddetta relazione di “certificazione voti”.

    Potreste render disponibile online la relazione finale? 31 marzo 2015 18:31
  • Nell’articolo che stiamo commentando (perciò non serve cercare nemmeno molto, bastava leggere bene ciò che si sta commentando) c’è ben specificato che:
    “Il COI, composto da osservatori provenienti da diverse nazioni del mondo (tra le quali Stati Uniti d’America, Federazione Russa, Ucraina, Siria, Moldova, Georgia, Repubblica Ceca), e rappresentanti un arco plurale di orientamenti politici, è stato selezionato dal Presidente invitato allo scopo dal Comitato Organizzatore del Referendum secondo i principi previsti dalla Comunicazione 191 della Commissione UE in materia di assistenza e monitoraggio delle elezioni da parte dell’UE.”
    Tradotto: il Comitato Organizzatore del Referendum (Plebiscito.eu) ha invitato il presidente del COI (dott. Beglar Davit Tavarkiladze) allo scopo di formare una commissione internazionale terza per il monitoraggio della votazione, secondo i principi previsti dalla Comunicazione 191 della Commissione UE in materia di assistenza e monitoraggio delle elezioni da parte dell’UE; i rimanenti componenti della commissione sono stati scelti del presidente della stessa in totale autonomia.
    Mi meraviglio di quanta intellettualità si sprechi in questo blog, visto che il seguito è di soli “6 utenti attualmente in linea”: POVERI NOI!
    😉

    Michele De Vecchi 31 marzo 2015 18:32
  • AVETE BISOGNO DI UNA TV REGIONALE PER FARVI SENTIRE!

    Marco 31 marzo 2015 19:23
  • PS. la Punk poteva stare anche dietro la telecamera!

    Marco 31 marzo 2015 21:21
  • @MARCO
    Caro mio, era meglio che ti risparmiassi il PS (che già eri caduto nell’ovvietà con il primo commento riguardante la TV)… e ti spiego il perché.
    Si da il caso che la “Punk”, come tu la definisci, si chiami Silvia Gandin e sia una delegata della Repubblica Veneta; sì, hai capito bene: una dei dieci. Una che è stata eletta con più di 43.000 preferenze (hai capito la “Punk”?!?!).
    Si da il caso che sempre la “Punk”, sempre come la definisci tu, sia anche una dei collaboratori più fidati di Gianluca Busato, una fra quelli fedeli da sempre; sì, hai capito bene: il nostro presidente si fida ciecamente di lei. Non solo, è anche una che non si vergogna di stare “sotto i riflettori”, a contatto con la gente, in mezzo alla scena, a differenza della massa che preferisce nascondersi dietro una tastiera per paura di chissà quali ritorsioni da parte dello stato italiano (ostia, hai capito la “Punk”?!?!?!?!).
    Si da il caso anche che la “Punk”, sempre usando il termine che hai adoperato tu, sia anche uno dei coordinatori di Plebiscito.eu più attivo nell’intero Veneto, nonché referente stampa per l’evento in oggetto.
    Ora, prima che vengano presi provvedimenti riguardo la tua presenza su questo blog dagli amministratori, ti consiglio di chiederle scusa e magari, se ti avanza un po’ di tempo, di offrirle un caffè (forse a lei piacerebbe di più una birra, conoscendola) così da poter capire il livello abissale che esiste fra voi due riguardo l’argomento indipendenza.
    E se tutto questo non ti basta… beh, sai che ti dico: puoi anche lasciare questo blog, perché Silvia è soprattutto un’amica e nessuno di noi permetterà che venga derisa o insultata per il suo modo di essere… Ce ne vorrebbero di più come lei, pacchetto completo!
    PS: ringrazia che non sia stata lei direttamente a risponderti, dismettendo per qualche attimo i panni istituzionali della delegata!

    Michele De Vecchi 1 aprile 2015 9:36
  • Claudio se non sei d’accordo con l’indipendenza, su questo blog nessuno ti dice niente, ma criticare il lavoro di plebiscito.eu mi pare da insulsi. E’ ovvio se fai quel tipo di commenti, qualcuno ti manda in quel paese, perchè come ho citato prima sono discorsi già risolti, superati ed inutili.
    Marco un altro de uguae, ze la zente come ti che fa del veneto poareto che pena li vede uno de diverso i se sente superiori.solo in italia esiste ancora quel tipo di mentaità da comunea, in altri nazioni democratici e sviluppati,invece hanno una mentalità aperta, condivisibile, su tutti i campi. Evviva Silvia Gandin e grazie del lavoro che fai

    veroveneto 1 aprile 2015 10:17
  • Veroveneto, insieme a molti altri mi metti in bocca parole non mie. Hai letto da qualche parte che io non sia d’accordo con l’indipendenza del Veneto? Forse non sai leggere o leggi veloce senza pesare le parole che leggi. Ho scritto che questo è un forum aperto a tutti e non solo per quelli del SI. L’ho scritto come regola generale, questo non è dire che io sia per il NO all’indipendenza ma solo che ho una posizione estremamente critica sulle modalità passate e presenti di plebiscito. Ciò che per te è superato e discorso chiuso non vale per me, d’altronde se leggi A e capisci B non mi sorprende più di tanto. Ti puoi bere la scemenza dei 2.3 milioni di Voti, ho controllato e parlato con centinaia di persone ed ho già scritto in passato che quando il campione statistico diventa significativo ed ottieni un 2-3% di risposte positive allora qualcosa non va. In aggiunta a questo ho contattato diversi uffici anagrafe (o fatto contattare da amici) ed i dati elettorali che plebiscito chiedeva per comporre il database non sono stati concessi perché plebiscito non ha pagato la tassa comunale prevista. Anche questo fatto l’ho fatto notare a suo tempo ma voi utenti per il si avete cominciato a dire che sarà colpa del sindaco contro indipendenza, quando ho risposto che il mio sindaco leghista ha fatto approvare l’adesione al referendum per l’indipendenza non sono più arrivate risposte se non offese. In sostanza in questo forum è inutile insinuare un dubbio e ragionarci su, parlare con voi è come parlare di evoluzionismo con un prete. tempo perso, il vostro approccio non è molto diverso da quelli che vanno a Medjugorje per l’apparizione della madonna il giovedì alle 15. Se nei commenti sostituite WSM con Amen sareste molto più realisti a parer mio. Vedi Anche oggi siamo ben 11 utenti collegati, ieri 8, ieri sera giusto dopocena 6. Il contatore è li e non mente. 276 visualizzazioni in 3 giorni per quello che secondo te e Busato dovrebbe segnare una svolta per una regione da milioni di abitanti? Io l’ho visto 3 volte, quindi potenzialmente circa un centinaio di persone si sono collegate per vederlo. Ecco, ho già commentato l’assoluta mancanza di autorevolezza di osservatori sezionati in modo tutt’altro che trasparente. Se Plebiscito volesse dimostrare di essere inattaccabile l’avrebbe già fatto mesi fa. è trascorso un anno e ancora una volta abbiamo mezze frasi e zero numeri. Ora come sempre la sua risposta e quella di altri sarà scontata, come tutte le altre volte del resto. Un’altra cosa, è brutto, molto brutto risvegliarsi da un sogno, è molto peggio risvegliarsi da un finto sogno. Quanto Busato dice che pubblicheranno i dati solo se plebiscito (cioè lui) lo riterrà opportuno sta dicendo qualcosa che a parere mio più grave non c’è ed a questo punto mi chiedo pure che tipo di dati vedremo, probabilmente fuffa come accaduto da un anno a questa parte.

    Claudio 1 aprile 2015 10:53
  • unico commento per claudio….
    non c’e’ peggior sordo…..di colui che non vuol sentire.

    Blix 1 aprile 2015 11:54
  • @CLAUDIO
    Te pol solo imaginarte quanto conta la to opinione di fronte a quela de un presidente de la comision internasionae che fa sto tipo de controli da 30 ani…
    Sprofonda ne la to vergogna, e resteghe…
    E se no te sta ben cusi, la porta la xe verta…

    Michele De Vecchi 1 aprile 2015 13:02
  • Michele, grazie. Confermi in pieno le mie aspettative. Buon risveglio. Saluti a tutti.

    Claudio 1 aprile 2015 14:12
  • claudio se non ti comoda il lavoro svolto dalla commissione internazionale chiedi spiegazioni a loro. se non fossero sicuri al 100% del lavoro svolto non avrebbero mai rilasciato il certificato dell’autenticità dei voti, altrimenti la loro immagine sarebbe compromessa per sempre

    Luca 1 aprile 2015 17:17
  • Luca, il mio lavoro non è cercare il numero di telefono di questo signore per chiedergli informazioni che probabilmente non è autorizzato a rilasciare. Perdonami ma troverei poco serio che un signor nessuno come me chiama il capo delegazione a casa o in ufficio e gli dico “sono un veneto in cerca di chiarezza, mi potrebbe dire qualche numero tra quelli che state controllando?” Tu cosa risponderesti? Ecco Luca, spero di aver reso in modo chiaro che qui l’interfaccia è Plebiscito, l’unico contatto che ci è permesso è questa piattaforma gestita da poche persone, sta a loro darci le informazioni che meritiamo. Da 1 a 100 per ora sappiamo circa 10, a voi a quanto pare basta. A me no, tutto qua. Non mi sembra uno scandalo e nemmeno tanto difficile.

    Claudio 1 aprile 2015 17:27
  • per il discorso utenti in lina, visualizzazioni del video, probabilmente non conosci i veneti, qui funziona tutto con il passa parola(specialmente over 40). per esempio tutti i miei amici hanno votato, e sono pro indipendenza ma nessuno segue il sito, al massimo controllano la pagina facebook

    Luca 1 aprile 2015 17:28
  • Claudio, capisco cosa vuoi dire ma ad esempio le elezioni regionali che ci saranno a breve come possiamo dire che i numeri che ci dicono siano davvero quelli? li non c’è nessuna certificazione e dobbiamo accettare il risultato che ci piaccia o no

    Luca 1 aprile 2015 17:37
  • Claudio ho letto bene i tuoi commenti e sono tutti provvocatori rispetto a plebiscito.eu. Come fai a dire che sei per l’indipendenza se non credi a quello che sta facendo questo movimento, perchè ad ogni iniziativa di plebiscito devi sempre dire che è falso?secondo me o ci tieni tanto allo staterello italia oppure appartieni ad un altro movimento indipendentista,alla quale critica il lavoro di veneto si per avere i voti alle regionali,per approffitare visto che si è alzato il vento indipendentista nel veneto. come fai a dire che i numeri sono falsi se una commissione internazionale ha confermato l’autenticità del risultato. Te disi che semo noialtri del si che semo orbi, ma a mi me pare che l’orbo te sipi ti

    VEROVENETO 1 aprile 2015 18:50
  • E’ stato toccato un nervo scoperto….è normale che ci siano queste reazioni, significa che siamo sulla strada giusta!
    Comunque, alla fine di questo intervento non dirò “amen” come suggerito da qualcuno!
    WSM
    Anzi… W Veneto Sì e Plebiscito.eu
    Un abbraccio a tutti!

    SANDRO 1 aprile 2015 19:27
  • proposta amichevole per claudio..
    abbiamo capito che tu non stimi questo movimento…per cui…le tue esternazioni le
    hai fatte (ovvero il nostro movimento ti ha dato la possibilita’ di esprimerle).
    adesso pero’…noi vogliamo vivere con i nostri sogni…con le nostre speranze…
    e quant’altro.
    Le tue esternazioni…valle a produrre nei confronti dello stato italiano….che di pecche ne ha….e se ne ha!….
    cordiali saluti

    Blix 1 aprile 2015 20:09
  • caro Claudio, tu le tu idee tientele pure, intanto Plebiscito con la certificazione degli osservatori internazionali in tasca, che afferma che il voto è stato, libero, democratico, secondo le procedure ONU e OSCE in vigore, confermando il numero complessivo di votanti (>2.300.000) e di Sì all’indipendenza (>2.100.000, maggioranza assoluta degli aventi diritto), con questa certificazione batterà tutte le strade possibili secondo i percorsi stabiliti dal diritto internazionale, per il riconoscimento dell’indipendenza. Se proprio vuoi mettiti a contrastare gli enti che daranno dei riscontri alle istanze di Plebiscito e portagli le tue evidenze, le interviste fatte nei bar del tuo paese, le telefonate agli uffici anagrafe e quello che ritieni più opportuno. Di sicuro riceveranno anche che con tutti gli onori e ti ascolteranno. Buona notte e dolce sonno

    Roberto 2 aprile 2015 0:59
  • Par fortuna de tuti i Veneti, le organizazion internasionai a cui ve appellarì par esser riconossui le controlarà i “2,3 milioni de voti” molto pì acuratamente dei vostri “osservatori internazionali”. E a quel punto cascarà el palco. E ben venga el crolo del palco, parchè finire in man de zente come voialtri portaria a na situasion ancor pegiore de quela atuale.
    Ben vegna quindi un controlo da parte dei enti internazionali da cui voì farve riconossare. Ed a quel punto ridaremo … par non pianzere, visto tute le false speranse che gavì creà.

    Roberto79 2 aprile 2015 14:24
  • roberto 79 la situazion peggiore di questa?me sà che ti te vivi nel lusso e te ghe paura de perdere qalcossa con l’indipendenza del veneto

    veroveneto 2 aprile 2015 16:21
  • @MICHELE DE VECCHI
    Caro Michele non fraintendermi, non intendevo assolutamente offendere la ragazza. La mia osservazione è una questione di immagine e credibilità di plebiscito.eu cosa che proprio in queste occasioni dovte stare molto attenti e curare attentamente.
    La questione è prettamente mediatica… e renditi conto dell’importanza che ha, la politica è marketing e oggi si combatte molto sull’aspetto mediatico, l’immagine è fondamentale, noi tutti siamo invasi da video pubblicitari ben curati.
    Sicuramente sarà una ragazza intelligente sveglia e capace e impegnata ma non era questo il punto.
    Questione di marketing.

    Marco 2 aprile 2015 18:04
  • Marco el marketing lo sai dove puoi metterlo???

    VEROVENETO 2 aprile 2015 19:17
  • Roberto se te lesi un pochi de giornai internasionai te poi capire in che situasion xe l’italia.. I teegiornai taliani xe boni dirte che va tuto ben anca quando a nave se sul fondo del mar.. pi tempo e robe resta compagne pi el Veneto ghe rimete

    tony 2 aprile 2015 19:32
  • @Roberto79, un altro genio della geopolitica veneta si aggiunge alla già lunga schiera, per fortuna la vostra azione si limita a sparare qualche cazzata da bar su questo blog, fosse dipeso da voi nessuno parlerebbe della questione veneta, non si sarebbe approvata nemmeno la L. 16 e ce ne staremmo tutti più tranquilli senza tante preoccupazioni, ma perché si sono messi in testa di creare Plebiscito, fare il referendum digitale e tirar su tutto sto casino? Mah, chissà perché

    Roberto 2 aprile 2015 23:12
  • Dai Roberto, in efeti Roberto79 l’à mesa zo en na maniera n poc dura, ma bisogna ameter che fin deso aven parlà, parlà, parlà,…ma risultati concreti gran pochi. Sì, ghe n’e un probaile riconosimento de regolarità fat da na comision internazional, n Parlamento eleto co na votazion che se dise ancora legitima…ma po, a la fin, Plebiscito el se candida tramite Veneto Sì a le elezion taliane ( cosa che proprio no capiso ). E cosa elo che à cambià ?

    Stropol 2 aprile 2015 23:35
  • @STROPOL, questo ga canbia…
    Ma vedo che te lo ga xa leto, quindi la tua le xa soeo poemica…

    Michele De Vecchi 3 aprile 2015 10:29
  • Ah, nel seguente video, al minuto 17, viene spiegato bene perché Veneto Sì si candida alle elezioni regionali

    Michele De Vecchi 3 aprile 2015 10:31
  • i vermi qualche volta escono dal marciume ma sono sempre vermi.

    oiram 3 aprile 2015 11:10
  • No Michele, nesuna polemica. Me spiase, ma un pol anca far un video de 38 minuti par spiegarme che l vol candidarse e l’e del tuto libero de farlo. Ma mi, che so semplice, no ghe rivo. Par mi se un se ritien ocupà le elezion de l’ocupante le e n sopruso e el fato de candidarse l’e n ato de suditanza e de riconosimento del nemico che no ndarie fato. Dopo, pol anca darse che mi me sbaglie e, sicuramente, Busato l’e molto pi inteligente de mi, ma sarà po la storia a gudicar. Se mi ò sbaglià Veneto Sì ciaparà el pi del 50% dei voti ( e no rivo capir cosa i servirie parchè esiste sempre el comisariamento co na scusa qualsiasi de la Ragion ), se no Veneto Sì el ciaparà na percentuale irilevante. Lora vorà dir che tanti altri, come mi, no à capì. Me domando: en sto ultimo caso – che penso molto pi probabile – come vala a finir ? Riconosen el risultato de le elezion de l’ocupante ? Disen che le e tarocae (ma chi ne lo à fat far de condidarne ?)? No ve par che nden a finir su n cul de sac ???

    Stropol 3 aprile 2015 12:33
  • @STROPOL
    In tel video xe spiega ben parche Veneto Si se candida… E te lo go scrito mi da che punto vardarlo, no serve che te lo varde tuto… E se Veneto Sì ale regionai ciapa na percentual irilevante de voti, xe parche vol dire che ghe ne tanti come te che na ga voesto capire… Le robe le xe diverse da no ver capio… Parche la spiegasion la xe fata in maniera senplice… Ripeto: uno no vol capire, o el ga capio ma no ghe va ben la roba…

    Michele De Vecchi 3 aprile 2015 14:13
  • Stropol se vinse veneto si sicuramente i schei staria qua e non dati per “solidarietà alle regioni del sud” quindi si abbasserebbe ste benedette tasse e respirar de pi. Governeria Veneto si, forse te ti si desmentegà sta roba, vedi te chi votare

    VEROVENETO 3 aprile 2015 19:51
  • Sul CLAUDIO di turno non vale la pena nemmeno rispondere per le rime.
    Già ci sono state pressioni personali sul Presidente del COI per farlo desistere dall’andare avanti nei controlli,ma poiché alla fine non sono riusciti a bloccare il COI/OSCE adesso gli ITALIOTI si sperticano a scrivere cose insulse per non dire puerili.
    E’ tanto lo smacco ricevuto dai soliti ITALIOTI che non sanno che pesci prendere adesso che ormai è troppo tardi per qualsiasi azione dissuasoria nei confronti dei VENETI pronti invece a votare in massa CONTRO tutti i partiti ITALIOTI che si presentano alle elezioni regionali p.v..
    Insinuare i dubbi, dividere per imperare, minacciare, denigrare e fare pressioni indebite per bloccare l’avanzamento dell’indipendenza del VENETO dall’italietta risultano oggi e saranno domani annullati dal volere DI TUTTI QUEI VENETI che ne hanno le tasche piene del famoso “SISTEMA ITALIANO DI CONDURRE LA POLITICA”.
    Lasciamoli scrivere tutto quello che vogliono, visto che noi sì che siamo veri democratici, ma attenzione a non scrivere “cazzate” perché le querele sono dietro l’angolo per qualcuno che sta scrivendo cose inesatte nei fatti !!!
    WSM e AMEN ….

    Fil de fer 3 aprile 2015 21:35
  • Secondo me qualcuno fà parte di un altro movimento indipendentista, che ha bisogno di voti nelle regionali e mette zizzagna in questo blog, ovviamente è solo un pensiero

    VEROVENETO 4 aprile 2015 10:15
  • E’ chiaro caro VEROVENETO. Succede sempre così quando c’è un BLOG DEMOCRATICO che lascia le porte aperte a tutti. Vorrei chiedere a CLAUDIO cosa sta facendo lui per l’indipendenza.(!?) E’ troppo facile criticare sui peli nell’uovo o trovare cavilli e dopo aver lanciato vari sassi nello stagno ritirarsi in buon ordine dicendo che non si è contrari all’indipendenza del VENETO.
    Se veramente sei quello che dici, perché non viene a confrontarti di persona. faccia a faccia alle nostre riunioni.
    Ti spiegheremmo che noi siamo il vaccino contro la malattia dei partiti italioti. Che a noi interessa il POPOLO VENETO e non le caste romane o dei grandi industriali italioti che sono nel SISTEMA ITALIOTA fino al collo….etc..etc….
    WSM

    Fil de fer 4 aprile 2015 17:05
  • ROBERTO79, non sa nemmeno quello che dice.
    Da quello che scrive si capisce la rabbia interiore nel vederci decollare a livello internazionale non solo con le due certificazioni avute, ma anche per quanto riguarda la stampa internazionale che non ha certo la censura e l’asservimento al sistema della stampa italiota.
    Purtroppo per ROBERTO79 ( forse LEGHISTA…) LA LEGA NORD che ha tradito sistematicamente i VENETI se la dovrà vedere alle prossime elezioni regionali venete con i veri INDIPENDENTISTI e non con gli altri fasulli o pseudo indipendentisti a parole, ma non nei fatti come stà facendo il movimento di PLEBISCITO.EU e VENETO SI’.
    WSM……amen !!

    Fil de fer 4 aprile 2015 17:13

Love me with a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *