background img
Schermata 2015-01-07 alle 14.17.59

#JeSuisCharlie #CharlieHebdo

gennaio 7, 2015

Non condivido la tua idea, ma darei la vita perché tu la possa esprimere – Voltaire

Questa è una triste data che cambia il corso della storia d’Europa. Esprimiamo il nostro più profondo dolore, l’angoscia e la nostra piena e più totale solidarietà a Charlie Hebdo, a tutte le vittime del vile attacco terroristico di oggi e alle loro famiglie, ai giornalisti che fanno un lavoro essenziale per la nostra civiltà, a tutte le vittime del terrorismo e della violenza politica, religiosa e di ogni fanatismo ideologico che deve essere combattuta ed estirpata dalla nostra terra, senza tregua e senza esitazioni.

La libertà di pensiero e di espressione è forse la forma più pura di libertà da difendere per preservare la civiltà europea.

Schermata 2015-01-07 alle 14.17.59

charlie hebdo

charlie-hebdo_copertina_rullo

Gianluca Busato
Presidente – Plebiscito.eu


Categories
  • DA ISLAMICO, DO IL MIO IMMENSO DOLORE ALL’ONNIPOTENTE, E ALLE FAMIGLIE DEL DRAMMA CHE STANNO SUBENDO. PREGO L’ALTISSIMO CHE SI POSA ARRESTARE I BESTEMMIATORI E ASSASSINI GIUSTIZIANDOLI TERRENAMENTE!

    ALLA SOCIETà E AUSPICABILE IL RISPETTO DI TUTTE LE IDEE COMPRESE LE RELIGIOSE, QUESTO NON DAREBBE ALITO A DEI BESTEMMIATORI CRIMINALI ASSASSINI A RIPETERE GLI STESSI CRIMINI COMPIUTI DA ALTRI SU PERSONE INDIFESE IN TUTTO IL PIANETA!

    PIERO DEA MEGLIA 7 gennaio 2015 18:55
  • per Piero:sono già entrati nella tua mente

    caio 11 gennaio 2015 12:30
  • CAIO…CAIO, TE GHè SPETà MASSA A DIRMEO!

    PIERO DEA MEGLIA 11 gennaio 2015 17:56
  • Piero, se la Meglia le to moglie, ne ti se tan musulmano… spiegame…

    caterina 11 gennaio 2015 18:15
  • CATERINA, LE ME ROBE NON SO TEGNUO A GIUSTIFICARLE A NESUN.DE SICURO MI NON ME SENTO PARGNENTE DE ESSERE CHARLIE, MA DE SICURO GNANCA CULIBALI E COMPARI ASSASSINI CHE I COPA IN NOME DELL’ONNIPOTENTE.
    NEMMENO NON CONDIVIDO LA MASSA DEL POPOLO EUROPEO CHE CONDIVIDE LE OPPINIONI DEI GOVERNI.
    COSA DEBBONO,O SI DOVRANNO GIUSTIFICARE?

    PIERO DEA MEGLIA 11 gennaio 2015 19:38
  • Mi faccio una domanda : perché nessun cristiano si fa esplodere o ammazza la gente urlando “Cristo é grande” mentre dei mussulmani lo fanno al grido di “Allah é grande” ? Perché i mussulmani si scannano tra sciiti e sunniti sin dal 632 d.c., data della morte di Maometto? Perché dei mussulmani in Nigeria imbottiscono di esplosivo delle bambine che si fanno saltare in aria nei mercati? Secondo me perchè il clero mussulmano non ha aggiornato la sua dottrina all’evoluzione del mondo e lascia a preti impreparati l’insegnamento dei dettami dei libri sacri dell’Islam (…che, come i libri sacri di ogni religione, sono sicuramente validi). Comunque non può venire da chi non é mussulmano una spinta ad una revisione dottrinale ma deve nascere all’interno dell’Islam. Io non sono un “papista”, la mia personale sensibilità sull’ argomento si limita ad affermare che Wojtyla mi era simpatico, Ratzinger pure, mentre non sopporto Bergoglio (…lo considero un populista ipocrita); devo però riconoscere che il cattolicesimo ha saputo aggiornarsi, il protestantesimo ha realizzato la prima grande riforma quasi 500 anni fa e aggiungo che gli ortodossi non mi disturbano affatto. E’ certo che il cristianesimo nel suo insieme rappresenta la matrice culturale di quella fetta del mondo che non sarà mai mussulmana ma é anche certo che va cercato un modello di convivenza tra queste due diverse visioni culturali. Detto questo, ritengo che uno Stato libero e democratico debba offrire ai propri cittadini uguali diritti e opportunità, indipendentemente dal credo religioso. Il credo religioso però deve RESTARE SOLTANTO TALE, non diventare un mezzo di pressione per realizzare folli “sottomissioni” a regole di vità che non appartengono alla cultura dei cittadini che lo Stato l’hanno costituito. Su questo punto non é possibile derogare, come non si può derogare sulla repressione con ogni mezzo dei tentativi di utilizzare la democrazia per infiltrare e realizzare occultamente farneticanti supremazie religiose-culturali-politiche “aliene”, ne va della nostra identità e della nostra stessa esistenza. In sostanza : “vivi e lascia vivere, ma non farti fregare” ; utilizzando un liguaggio legale e forbito questo concetto lo inserirei tra gli articoli della Costituzione della Repubblica Federale Veneta.

    wotan 12 gennaio 2015 12:51
  • voglio essere veneta, non francese… dalla Francia ci son venute solo disgrazie… mi basta pensare a Napoleone che qui da noi ha fatto il crimine di cui beffardo si fece vanto.. sono gli intellettuali italioti che subirono il fascino del terrore della rivoluzione francese.. sono in tempi recenti i nostrani cattivi maestri a trovare eco e sponda accogliente a Parigi.. ancora abbagliati dalla cosiddetta laicità dello stato i nostri politici confusi e senza struttura hanno sempre temuto la Francia come se non fosse partita da lì quella religione che dilagò per tutto il novecento e fu il seme delle guerre che abbiamo subito, e fingono di non accorgersi che continua a mascherare tutte quelle che sulle sponde del mediterraneo ha finanziato per i suoi interessi.
    Io sono veneta e la mia patria è la Serenissima, vera maestra di vita politica e distrutta dall’occidente dei lumi proprio per questo.
    Mi auguro solo di vederla rinascere… nella posizione centrale di un mondo impazzito potrebbe ancora essere il faro che fu.

    caterina 13 gennaio 2015 10:18
  • VISTO COSA STA AVVENENDO? NON SERVIVANO I PROFETI! BASTAVA IL BUONSENSO! IL RISPETTO DELLE PERSONE,SOPRATUTTO DELLE IDEE E DEI SENTIMENTI. W IL VENETO LIBERO CON IL RISPETTO DELLE RELIGIONI E DELLE PERSONE,NATURALMENTE COMPRESO TUTTO IL CREATO.

    PIERO DEA MEGLIA 18 gennaio 2015 18:40
  • @PIERO DEA MEGLIA

    Desidero risponderLe, utilizzando il testo di un’intervista del premier britannico, David Cameron. Di solito non mi trovo d’accordo con lui. Questa volta pero’ concordo con le parole di Cameron. E specialmente con:
    … … problema fondamentale di un velenoso culto narrativo di morte che è la perversione di una delle maggiori religioni del mondo … …

    Prima la traduzione, e più sotto il testo originale in modo che possiate verificare la correttezza della traduzione:

    Intervista:
    “Cameron è stato interrogato riguardo le osservazioni del Papa in un’intervista al telegiornale della CBS Face the Nation, in onda Domenica. Egli ha detto: “Penso che in una società libera, vi sia il diritto di offendere la religione di qualcuno. Sono un cristiano; se qualcuno dice qualcosa di offensivo su Gesù, potrei ritenerlo offensivo, ma in una società libera non ho il diritto di vendicarmi contro questa persona. Dobbiamo accettare il fatto che i giornali, le riviste, possono pubblicare cose che sono offensivi per alcuni, fintanto che cio’ è nel rispetto della legge. Questo è ciò che dobbiamo difendere. ”

    “Al PM è stato anche chiesto riguardo l’attuale minaccia terroristica, e ha detto che e’ grave e che un attacco e’ altamente probabile. Ha detto che la natura della minaccia “è cambiata e modificata, ma è ancora basata sul problema fondamentale di un velenoso culto narrativo di morte che è la perversione di una delle maggiori religioni del mondo.””

    Intervista disponibile su:
    http://www.theguardian.com/politics/2015/jan/18/david-cameron-disagrees-pope-francis-responding-violence

    “Cameron was asked about the pope’s remarks in an interview with the CBS news programme Face the Nation, broadcast on Sunday. He said: “I think in a free society, there is a right to cause offence about someone’s religion. I’m a Christian; if someone says something offensive about Jesus, I might find that offensive, but in a free society I don’t have a right to wreak vengeance on them. We have to accept that newspapers, magazines, can publish things that are offensive to some, as long as it’s within the law. That is what we should defend.”

    “The PM was also asked about the current terrorist threat, and said that it was severe and that an attack was highly likely. He said the nature of the threat “has changed and altered, but it’s still based on the fundamental problem of a poisonous death cult narrative which is the perversion of one of the world’s major religions.”

    Davide 19 gennaio 2015 20:23
  • Sior Davide. Me’par ke qualke’dun gai le sgarbee, o se voe portare el discorso in vacca. Cossa se diseva? Tegnemose alla question, o aka mi taco con i davide,ai ambasciatori islamici massacrà per ordine del papa,cosa xe stà combinà nee amerike,asia,australia,afrika e del kriminae de itler supportà anka da parte del clero? tutti nel nome del santo profeta GESU, NO! i gavea solo i’mente i skei l’oro e portarghe via la terra ke i pestava. De sicuro xe sta sbalià tanto,adesso me par’ke se sbalia depì da kealtra, e…me dispiase! Serto ke l’omo mi lo considero el peso animale ke esista… ma so sicuro ke con el dialogo… e se ghe xe un’poco de sarveo e de bona volontà… se possa stabilire ottime leggi portandole ad esempio in tutto il mondo. VENETO LIBERO-INDIPENDENTE!!! (SCUSEME SE NON SCRIVO MEIO MA SON ABBASTANSA VECIOTO E ME STUFO PRESTO… COSì SERCO DE SARARSù) SERTO CHE PRIMA GHAI DA BADARE UN INGRESE… NON KE BASTA TUTTO QUEO KE I GO COMBINà?

    PIERO DEA MEGLIA 20 gennaio 2015 0:45

Love me with a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *