background img
sostieni_veneto (1)

“OPERAZIONE MATTEO EVANGELISTA”: BASTA TASSE ITALIANE, DAL VENETO PARTE LA MESSA IN MORA DI EQUITALIA E DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

novembre 27, 2014

Martedì 16 dicembre daremo lo stop al peggiore inferno fiscale del mondo. Aderisci ora all’azione di liberazione fiscale.

sostieni_veneto (1)I giochi e i teatrini innescati dalle elezioni regionali fanno ben comprendere il funzionamento del sistema politico italiano, che ritorna in equilibrio gattopardesco, cambiando tutto affinché nulla cambi.

Grazie all’opera di Matteo Salvini (#Matteo2), il centro-destra italiano ritorna in equilibrio e può rimettere in sesto il teatrino destra-sinistra che era entrato in crisi con l’ascesa di Matteo Renzi (#Matteo1) leader solitario.

Sì. Così pensano lorsignori.

Peccato però che la stragrande maggioranza odi entrambi. Entrambi i cosiddetti leader, entrambi gli schieramenti e tutto lo stato italiano nel suo complesso. Al di là infatti delle tifoserie che hanno trovato una sciarpa da sventolare e un berretto nuovo da infilarsi, il dramma di un fine novembre in cui le famiglie e le imprese cercano di sopravvivere alla miseria generata dallo stato più ladro del mondo diventa sempre più inquietante.

La situazione è ancor più grave per il nostro Veneto, che ancora non è riuscito a liberarsi dall’oppressione di una masnada di avventurieri incapaci e parassiti e dall’altro vede avvicinarsi sempre di più il momento in cui i propri interessi geopolitici saranno palesemente divergenti da quello dello stivale tricolore.

Le nuove vie di comunicazione che entro 4-5 anni tracceranno un mondo nuovo richiedono infatti interlocutori territoriali in grado di concepire, stimolare ed attuare progetti strategici adeguati alla portata delle sfide in gioco.

Il parterre attuale è purtroppo invece ancora occupato da figure di serie B dopate dal sistema di comunicazione del regime, il meno libero del mondo occidentale e non solo, pagato purtroppo da noi, tra poco anche obtorto collo con la bolletta elettrica.

Ora serve dare nuova forza e nuovo impulso alla sfida indipendentista, che raccoglie il consenso della stragrande maggioranza assoluta dei cittadini veneti, di fronte all’assoluta mancanza di rappresentatività e di consenso reale degli esponenti politici italiani.

Questa differenza sostanziale di forza e di caratura ORA deve manifestarsi in modo più chiaro e sostanziale. Per questo abbiamo deciso di dare il via all’operazione “MATTEO EVANGELISTA” (#Matteo3), celebre esattore delle tasse per conto di Roma. Dal Veneto parte quindi la liberazione fiscale dei nostri cittadini e delle nostre imprese tartassate oltre ogni limite di dignità e di tortura accettabile in uno stato civile.

Ecco allora che Plebiscito.eu, in collaborazione con la LIFE (i Liberi Imprenditori Federalisti Europei), il primo grande sindacato di imprenditori che ha saputo mettere in evidenza e combattere le storture dell’inferno fiscale italiano, sta preparando una grande e importante azione politica di messa in mora di Equitalia e dell’Agenzia delle Entrate, perfettamente legale e legittima, che avverrà il prossimo martedì 16 dicembre, in un giorno lavorativo, di mattina.

Per la massima copertura e successo dell’iniziativa, ci serve un aiuto concreto con la partecipazione di più persone possibili.

Se sei libero e vuoi aiutarci, questo è il momento. È il momento di dare impulso all’indipendenza del Veneto e alla liberazione fiscale dal brutale regno del male italiano.

Conferma la tua disponibilità ad essere presente martedì mattina, in un luogo del Veneto che ti verrà comunicato, compilando il modulo che trovi di seguito.

Aiutati ora: nessuno farà ciò che rientra sotto la tua precisa responsabilità per liberarti dal peggior burosauro del mondo occidentale.

Gianluca Busato
Presidente – Plebiscito.eu

Disponibilità a partecipare all'operazione "Matteo Evangelista" per l'indipendenza del Veneto e la liberazione fiscale dal regime italiano

Con la seguente dichiarazione sottoscritta, dichiaro la mia disponibilità a partecipare all'operazione di messa in mora di Equitalia e dell'Agenzia delle Entrate, che si terrà martedì mattina 16 dicembre in un luogo del Veneto che mi sarà comunicato.

 Con la sottoscrizione della presente, ai sensi del D.Lgs. 196/2003 (legge sulla “privacy”) autorizzo Plebiscito.eu al trattamento dei miei dati personali secondo le modalità indicate nella nota informativa pubblicata all'indirizzo web http://plebiscito.eu/privacy


Categories
  • Voglio sapere il luogo della messa grazie ho anche bisogno di un vostro consiglio sulla mia ditta gRazie…

    matteo 27 novembre 2014 22:51
  • @Matteo, il luogo verrà comunicato a chi si iscrive tramite modulo a tempo debito. Per un consiglio sulla tua ditta, contatta direttamente Plebiscito.eu con una mail, verrai ricontattato.

    Michele De Vecchi 28 novembre 2014 9:11
  • Ci sarò!!

    Luca 28 novembre 2014 14:13
  • Par tera e par mar S. Marco!

    Giorgio Ronzani 28 novembre 2014 14:56
  • Navigando su internet è impressionante leggere cosa dicono e pensano i Veneti.
    La maggior parte dice che non capiscono perché ci siano così tanti movimenti o gruppi indipendentisti veneti. Secondo come mai non si sono ancora sciolti e confluiti in un unico movimento indipendentista Veneto per rendere più credibile l’azione univoca dei Veneti.
    Due domande alle quali personalmente non so rispondere.
    Di una cosa sono sicuro che ogni movimento o gruppo ha al suo interno persone che potrebbero essere la classe dirigente Veneta e messa tutta assieme avremmo già la base per autogovernarci e autodeterminarci come si deve.
    Invece nulla di tutto ciò, anzi, negli ultimi tempi tra scissioni, divisioni e quanto altro abbiamo assistito alla DISPORA VENETA CHE CONTINUA……..
    Un vero leader Veneto dovrebbe coagulare attorno a sé il meglio dell’indipendentismo Veneto, al contrario invece, oggi, succede che i leaders tendino all’isolazionismo a non credere nella collaborazione reciproca.
    Si ha paura delle discussioni, delle diverse idee, e non aggiungo altro… ma non può essere così che si costruisce attorno a sé le persone giuste per formare una classe dirigente degna di questo nome. Se dobbiamo accelerare il processo.. dobbiamo avere l’apporto e l’aiuto di tutti, ripeto tutti.
    HA PARLATO LA VOCE NEL DESERTO ?!…….
    W SAN MARCO SEMPRE !!

    Fil de Fer 29 novembre 2014 16:53
  • Per fortuna mancavano “pochi giorni” alla pubblicazione della certificazione. Che pena…

    luca 29 novembre 2014 17:37
  • @LUCA:CARO LUCA,TI CHIEDO HAI MAI VISTO LA CERTIFICAZIONE DEI VOTI DELLE CLASSICHE ELEZIONI?QUINDI INVECE DI SCRIVERE CAZZATE PENSIAMO A RESTARE UNITI E COMBATTERE FINO AD OTTENERE L’INDIPENDENZA DA NERONE & CO.

    leonardo 30 novembre 2014 16:09
  • web www.http://plebiscito.eu/privacy è errato.

    e i dati personali a che pro ? e il luogo segreto ?
    ahiahiahi …

    oscar 30 novembre 2014 23:22
  • L’unificazione dei vari movimenti indipendentisti si concretizzerà solo con l’entrata in scena di una persona che avrà CARISMA e che saprà attrarre su di se anche l’attenzione della gente che ancora non percepisce in pieno il vero motivo della causa Veneta.
    Il CARISMA……..
    WSM

    Sandro 1 dicembre 2014 0:43
  • @OSCAR: in cosa è sbagliato il documento sulla privacy; basta che ce lo fai sapere, valuteremo ed in caso sarà corretto.
    I dati personali servono ad essere riconosciuto e ricontattato: in Plebiscito.eu crediamo nel fatto di essere coscienti di quello che si sta facendo e di metterci la faccia personalmente.
    Il luogo è tenuto segreto per non dare la possibilità allo stato italiano di potersi organizzare in anticipo.
    Come sempre, Plebiscito.eu agisce con iniziative che rientrano nella legalità sia italiana che veneta, pacificamente, e nel rispetto delle persone coinvolte.

    Michele De Vecchi 1 dicembre 2014 9:53
  • cosa c è di sbagliato ? vedi un po te, piu tempo passa e piu vi impegnate a restar soli ed abbandonati.
    non siam meridionali con tempo da perdere a compilar moduli, siam veneti con in mente anvor l ultima guerra nei nostri monti, siamo in periodo di pace e c è pane per tutti quindi, sempre avanti a lavorare come muli a portar a casa el pan.
    avessimo la mentalità romana certo saremmo in piazza e a compilar moduli.
    avessimo la mentalità napoletana non avremmo piu ti tanti problemi ‘cappisci ammè’ …
    ma siam veneti e quindi sbagliate aggancio, tanto piu che con tutto il tempo passato e i danni della lega qua non crede piu a nulla nessuno. solo ai veri soldi che entran in tasca.

    oscar 1 dicembre 2014 12:41
  • Oscar, se sei uno che non vuol metterci la faccia in un’iniziativa concreta, vuol dire che in realtà non ti interessa e rimani fra i tanti, troppi! che stanno a guardare che gli altri lavorino e si diano da fare anche per te…
    la tua identità a noi che leggiamo qui resta ignota, ma questo ti dà il coraggio figurati un po’ di denigrare e spargere scetticismo… così lavori per il nemico, ed è quello che sembra sai fare benissimo…almeno risparmiaci l’amarezza di dover constatare che si annida dovunque.

    caterina 1 dicembre 2014 13:31
  • qua ci sono infiltrati e sabotatori che scrivono minchiate nei commenti solo per provocare, se avete voglia di giocare a caccia al tesoro andateci con i topi di fogna che amano tanti questi giochetti

    zisp 1 dicembre 2014 17:23
  • Prima di muovere ancora un dito per questo Movimento voglio vedere la certificazione dei voti del referendum.
    Ho fatto propaganda con tutti quelli che conosco, ho dato link, perfino litigato con gli scettici. Risultato: non serve a niente perchè appena dicono “si ma le certificazioni del voto dove sono?” mi sento un idiota.
    Nel mio piccolo vi ho coperto il culo fino ad ora, mi pare abbastanza. Fuori di casa mia sventola una bandiera di San Marco (sempre sia lodato) e non ho perso fiducia, anzi sono certo che prima o poi saremo una Nazione indipendente. Ma da buon veneto desso me so stufà. Finchè no’ vedo, no’ credo.
    La fiducia va bene ma abusarne mi pare troppo.
    Se ci sono queste certificazioni bene, sennò amen. Basta saverlo.

    Lorenzo 5 dicembre 2014 11:59
  • Perfettamente d’accordo con te Lorenzo. Ma guardiamo in faccia la realtà: ci hanno fatto fare una grandissima figura di m. davanti tutti, la figura degli ingenui che hanno creduto che questi erano diversi ma non lo sono. Non mi pento di aver speso tempo e skei per il plebiscito, anzi ne sono orgoglioso, ma mi pento di aver dato fiducia a questi incompetenti ed inconcludenti. Qui c’è gente che cita il Giappone, ma là i vari Busato avrebbero già fatto da mesi harakiri, qui invece hanno la faccia tosta di candidarsi dopo aver praticamente litigato con tutti e preso in giro gran parte dei veneti (non prendo le difese di nessuno sia chiaro).

    LUCA 7 dicembre 2014 11:25
  • Lorenzo, Luca, noi che abbiamo sperato, corso, votato, fatto votare, pensavamo magari che una volta superato il referendum e vinto, tutto fosse in riva in giù! non è che siamo noi invece così poco esperti da non renderci conto della complessità delle cose? io mi metto fra voi, ma non mi viene in mente di non aver fiducia in chi ci ha portato fin qui… chi vedete in giro su cui poter contare? il panorama delle persone che riempiono giornali e tv, sia che ricoprano cariche sia che facciano i cortigiani, è desolante e impera dappertutto critica vuota, incompetenza e malaffare… perciò teniamoci stretti a chi con saggezza e con altrettanta prudenza ci sta portando fuori dal guado… il disfattismo non porta da nessuna parte, non facciamoci male da soli!

    caterina 7 dicembre 2014 15:30
  • @Lorenzo , a te ghe razon. ma porta pasiensa che el Bisato se gà cadidà ale elesion poltiche taliane, e al tempo el spiegarà tuto. si credeghe

    giannin 8 dicembre 2014 19:11
  • Non sono disfattista, ma disilluso, ancora una volta. Non ho mai pensato che sarebbe stato facile, ma da qui a fidarmi ad occhi chiusi ce ne passa.
    Casa mia se dixe: “Se ti me ciavi ‘na volta xe colpa tua, se ti me ciavi do volte xe colpa mia”.

    Lorenzo 9 dicembre 2014 10:10

Love me with a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *