background img
Schermata 2014-03-20 alle 08.20.48

Towards the independence of Veneto Region: We are the heirs of the Most Serene Republic

marzo 20, 2014

By Prof. Romano Toppan

University Professor – Philosopher and writer

 

                                                                                      “A ghost upon the sands of the sea, so weak – 

                                                                                   so quiet – so bereft of all but her loveliness,

                                                                                          that we might well doubt, as we watched her

                                                                                       faint reflection in the mirage of the lagoon,       

                                                                                       which was the City and which the Shadow”

                                                                              (John Ruskin, The stones of Venice)

Why Venice and its surrounding territories deserve to be independent again

To come to Venice means to enter into a city world, which encompasses the footprint of the East and West, of Rome and Greece, of the feelings of Christianity and the respect for Islam, a town which loved always a steady approach to the freedom, cross-cultural vision and pragmatic tolerance.

Schermata 2014-03-20 alle 08.20.48

Therefore, our approach to Venice can be transformed in cultural experience and enlarge our horizons to the “core” facets of Venice and its magnificent and extraordinary history.

The dignity and prestige of Venice, in all its aspects (artistic, architectural, urban, beauty) are firmly founded on the Most Serene Republic.

Venice is a window on the best practices of the civilization, where to look for the secrets of the prosperity of our region, the well-being of our life: Venice, before the American Constitution, aimed at the happiness of its citizens.

Venice as cradle of renewed European Civilization in the past

As far as the first reason is concerned, the motivations which justify the candidature of Venice, are connected with the role played by that town in the capacity building of European Recovery Strategy, after the fall of Roman Empire, working in favor of the European prosperity and joining finally, around year 1000, the same level of well-being was enjoyed at the time of 300 AD, after seven centuries of scarcity, poverty and not rarely long famines..

Many factors favored this recovery: the crisis of the feudalism, the birth of the “Free Communes” and their new social classes of merchants, entrepreneurs and especially craftsmen or skilled workers with their own statutes and corporations. But one of the rare “Communes” that were able to keep the typical and specific “Commune’s governance” was Venice, without any hesitation or going in reverse: merchants, entrepreneurs and craftsmen remained the rulers of the town for ever, until the extinction of Republic in 1797.

Venice was a symbol of the new Europe and society, according to Adam Smith and other Enlightenment’s thinkers: a society founded on the merits and competencies, not on “divine right” and social state.

According to the doctrine of “divine right”, only God can judge an unjust king. The doctrine implies that any attempt to depose the king or to restrict his powers runs contrary to the will of God and may constitute a sacrilegious act.

At contrary, in Venice, the Dukes were submitted to the election and approval of people. The few of them, who tried to become “sovereign” with hereditable right, were decapitated. Their power was strongly restricted by a very complex balance between the different powers and roles.

A world city

Venice was defined by Fernand Braudel, the great historian of the Europe, “City-World”, because it (she) played a central role in the economic, cultural and social development of all Europe. It (she) was, for long time, the hearth of all the European culture, with a cross-cultural approach to all other existing cultures in many centuries: it was a network, a lean organization, more than a territorial or continental state, more emporium than imperium, with an original political system, being the unique Republic in a world dominated by absolute forms of governance.

A study of the economic staff of the OECD, leaded by Angus Maddison[1], made a compared evolution and position of the different forms of state in the past: Venice was the richest state with its GDP, from 1250 to 1510. No other state, since the fall of the Roman Empire, occupied the first place so long in this rating. Braudel said that “the wealth is a mobile house, which moves now this way and that”: he is the author of the famous boutade that “when Venice was the world centre of the finance and trade, Manhattan was a field of potatoes”. After Venice, the centre of the European Economy and Wealth production moved to other countries or city-state, Antwerpen, London, New York (and now perhaps Shanghai and China): but the duration of those placements was not so long as in Venice Republic.

Its governance, with a carefully shared power and balance between the roles, allowed a steady continuity of the state, with all the competitive advantages of such a model. For these reasons and other motivations in the art, cultural exchanges with all the known world, within Mediterranean sea and out of that area, towards the East, until China for the first time in the European History, economic prosperity, effective waters and territories management, peace keeping, social dialogue with hospitality, the candidature of Veneto Region to its own independence seems a form of explicit acknowledgement for all the contributions Venice gave to the evolution of our Continent towards democracy and dialogue. Venice is much more Europe than Italy, world than a local place.

A shuttle for the modern society and well-being economy

United States were born before the French Revolution and Jefferson did not find, in his European journey and investigation, a political system conform with the new American inspiration for equality and happiness: he found only in Venice a proof of the feasibility process towards a Republic, and the “Most Serene” suggested the content of the first section of the Independence Declaration: “We hold these truths to be self-evident, that all men are created equal, that they are endowed by their Creator with certain unalienable Rights, that among these are Life, Liberty and the pursuit of Happiness “[2]. The new vision of a state was to ensure the happiness of the citizens. Thomas Jefferson, in his notes on the separation of Powers, wrote: “All the powers of government, legislative, executive, and judiciary, result to the legislative body [in the Virginia Constitution of 1776]. The concentrating these in the same hands is precisely the definition of despotic government. It will be no alleviation that these powers will be exercised by a plurality of hands, and not by a single one…Let those who doubt it turn their eyes on the republic of Venice. As little will it avail us that they are chosen by ourselves. An elective despotism was not the government we fought for; but one which should not only be founded on free principles, but in which the powers of government should be so divided and balanced among several bodies of magistracy, as that no one could transcend their legal limits, without being effectually checked and restrained by the others”[3]. Even if criticized as “aristocrat senate”, Republic of Venice was a source for the rising new state of America, both for the “form” (republic) of the governance and for the divided and balanced power among several bodies of magistracy. And some years later, in his letter to Joseph C. Cabell, in 1816, Jefferson wrote:  “No, my friend, the way to have good and safe government, is not to trust it all to one, but to divide it among the many, distributing to every one exactly the functions he is competent to[4]”. However, in this elective despotism of Venice, there was a “preventive action”: many Government duties were not paid and their duration rarely was beyond only 1 year.

The motivations of its role in the European historic evolution

After the fall of the Roman Empire, Venice was the only political and social experience of “continuity” with the great and unequalled level of Rome: Venice kept the competencies of the Romans in the key sectors: governance (republic with Senate), know how for building, crafts, ships and trading.

Founded in 697 A.D. and fell down in 1797 A.D., The Most Serene Republic has been 1.100 Years old, with the most durable form of continuity of the state in Europe, perhaps in the world.

Sea was its land, not to create an “imperium”, but an “emporium”: a network in profitability and quality and a modern example of “lean organization” and innovative civilization.

The main components of the identity of Venice and its modernity are:

Governance: the unique republic in its times and citizens involvement (citizens, not subjects). Venice was a Republic founded on “citizens”: Petrarch, one of the greatest poets of Italy and founder, with Dante and Boccaccio, of our Italian language, in a letter to a friend wrote this meaningful judgement about Venice governance: « Venice, unique hospital town in these days for the freedom, justice, peace, unique refuge of the good people and port where the ships of the men who are looking for a serene life can be guested, after the storms of tyranny and wars everywhere in Europe; a town rich of gold, but much richer of dignity and fame, powerful in forces, but much more powerful in virtues, founded on steady and solid stones and marbles, but much more on solid civic grounds of its social cohesion, protected and surrounded by the sea, but much better fortified and ensured by the careful wisdom of its sons».

Elective roles: all the trials to modify the constitution in favour of hereditary dynasty, were cut off.

Refuse of the feudalism: the state before everything and everyone. The motto of the Venice Government was: “Salus Rei Publicae ante Omnia”. : Venice had no kings, no princes, no dukes, no counts, no barons. Only an egalitarian aristocracy, independently from the actual wealth (there were rich aristocrats and poor aristocrats).

Freedom: all the Romans who fell under the domination of the barbarian invaders lost their freedom and their wealth was severely reduced at the level of the 5° century before Christ: to join the same level of prosperity and pro capita wealth of the 3° and 4° century, before the decline, European had to wait until 12° century, that’s more than 800 years. Venice rises from a deed, an action, a decision of the roman and Venetic communities for freedom, escaping from the disgusting oppression and barbarian invaders. Venice was the first community in the Western Europe to join the prosperity, thanks to the “memory” of the Roman Empire competencies.

Happiness economy: The most serene republic would be the most appropriate definition of the “happiness economy” proposed by the Nobel Prize Daniel Kahneman.

Human rights: the power of the Inquisition against the heretics, the treatment of the Jews and other minorities, the rules for the immigration, the forms of welfare (public and private),the treatment of the poor people and diseased, the parity of the women. Moreover, the power of the Inquisition against the heretics was severely limited, but avoided, the treatment of the Jews and other minorities was much better than in the rest of Europe (to protect them from the “progroms”, Venice ensured to the Jews a quarter, named Ghetto, that was not a “prison”, but a “compound” with security measures), the rules for the immigration were clear and a certain number of “temporary hospitals” for them was provided by the State,

Hospital and cosmopolitan civilization, open to the diversity and cross-cultural approach. The proofs of this cosmopolitism are the long and fruitful relationships with Byzantine Empire of the Eastern Europe, with Arabians’ high civilization of the Middle East, with Ottoman Empire. Even with China.

The bureaucracy: rigorous and responsible (corruption was severely condemned, even with the capital punishment,

Welfare: the forms of welfare (public and private) were ensured through a mutual pact between the “private” corporations (the “Schools”) and the State, especially about the treatment of the poor people, widows and diseased, the parity of the women was evident and celebrated by the literature (e.g. Goldoni). Other Charities were for the pilgrims, immigrants and diseased: in Venice there were 68 Hospitals. Health was organized with many preventive measures, like quarantine, isolation of the infected people in the islands and in the boats around the island (Lazzareto Nuovo), far from the city: when new people came to the site, all gave welcome with applauses and loud cheers: “You are coming to the land of Cockcaigne“, because they were well-fed by the Republic for all the time of quarantine (quarantine is a terminology introduced by Venice, because the word “quarantine” originates from the Venetian dialect form of the Italian quaranta giorni, meaning ‘forty days’). This is due to the 40 day isolation of ships and people prior to entering the city. The original document from 1377, which is kept in the Archives of Dubrovnik, states that before entering the city, newcomers had to spend 30 days (a trentine) in a restricted location waiting to see whether the symptoms of Black Death would develop. Later on, isolation was prolonged to 40 days and was called quarantine.  Medicine doctors had their own “corporation”, and the Venice policy was to define very precisely their emolument fees, every royalty on the medicines was forbidden, the most important doctors, coming also from Padua and Bologna, were “invited” to Venice for free consultation in the case of poor people,. Also for the poor people: one of these charities was very famous and exists even today: Ospedale della Pietà, an orphanage for poor and illegitimate children where Vivaldi worked between 1703 and 1740.

Intercultural dialogue: Civilization was hospital and cosmopolitan, open to the diversity and the cross-cultural approach,

Venice: the justice: The courts: also the nobles were condemned, all the Dukes who tried to change the elective system into hereditary or dynastic one, were killed, immediately, always,

The political leadership and governance profile

The main institutions of the Republic was The Signoria of Venice. It was constituted of:

  • the Doge (Duke): the election of the Doge required 10 steps, with several (ten) steps through casual extractions and ballots (the word “ballot” comes from the election of Venetian Duque), just to avoid every trial of conditioning election (e.g. through the corruption of the electors)
  • the  Minor Council (Minor Consiglio), created in 1175, which was composed of the 6 advisors of the Doge, who could not take any decision without consulting the Minor Council
  • the 3 leaders of the Quarantia the supreme tribunal, created in 1179
  • College of the Wise Men (Collegio dei Savi): Council of the Ministers
  • Senate (Consiglio dei Pregadi): Senate was composed by a class of merchants, entrepreneurs and nobles, but not by feudal classes
  • Council of Ten or simply the Ten, was, from 1310 to 1797, one of the major governing bodies of the Republic. Although its actions were often secretive, it was generally considered to be fair and effective by the citizens of the Republic
  • General Assembly of Patricians (Consiglio Magior): responsible of the election of the Doge and all the most important roles of the state.

The Signoria was considered a very important body of government, more than the Doge himself. The sentence si è morto il Doge, no la Signoria (The Doge is dead, but the Signoria is living) was ritually said during the ceremonies set for the death of the Doge.

A very rare traits of the venetian leadership was the independence from the clerical power: perhaps the only state In Europe that in Middle Age was not submitted to the two main powers of those times: the Roman Pope and the Emperor of the Holy Roman Empire: Its political philosophy was inspired by pragmatic approach, without any trace of fanaticism or dogmatism.

The Ducal Palace: a symbol of “bottom up” policy

It is the unique palace of power which is empty downstairs and full upstairs: people had access and the Senate had nothing to fear and there was a facility for citizens to submit written complaints at what was known as the Bussola chamber.

The Ducal Palace offices (with officers) were completely hidden, between the external façade and internal walls: a long and secret interstice, where all the officers ruled without external pressures. A visit of this secret power with a guide through the so called “itinerari segreti” will be very instructive,

Venetian laws imposed that the names of  the officers, who robbed public money, had to be published in legible list outside for ever, until their death.

The Arsenal

It was the biggest company of those days: it was organized with the same principles and systems of the modern kaizen (involving everyone in the organization, in the processes). One ship was completely produced in 1 day. Nevertheless, the management of the forests for providing wood was ruled according to the sustainability criteria

The environmental management

Frederic Lane writes that “the natural resources of the surrounding territories were of prime importance for the start-up of the development model of Venice[5]. The management of the waters was particularly careful, especially for the rivers and lagoons: it was steady and permanent, even with effects until today, for the main infrastructural interventions of the Venetian Republic concerned. Lagoon was very carefully protected: hard punishments were inflicted to people who caused damages, rivers were diverted, in order to preserve the lagoon from tamping, drinkable water was provided with an original system of wells, visible even today.

The Schools

They were “confraternities” and charities (today mutual help associations and ONG).

6 of them were “Great Schools”: Scuola Grande di San Teodoro (1258), Scuola Grande di Santa Maria della Carità (1260), Scuola Grande di San Marco (1261), Scuola Grande di San Giovanni Evangelista (1261), Scuola Grande di Santa Maria della Misericordia (1308), Scuola Grande di San Rocco (1478).

210 (or even more) were “Minor Schools” for the Crafts and Professions, with their rules, patron saint, see, church and board of directors.

These “Schools” formed the basis of the “social capital” and social cohesion of the Republic, which recognized and praised them, especially those of labours and professions: all the Schools were invited to participate in honour place to the main ceremonies of the Republic.

Also the foreign communities of immigrants, workers and craftsmen had their own “schools” and zones (Albanese, Greek, Dalmatian, German etc.).

Foreign and immigrants’ communities: the cosmopolitism of the Serenissima is proved by many signs of its hospitality. Many sites of the city are devoted to representatives of foreign people, even the “nicest ones” like:

  • Riva degli Schiavoni (Dalmatian and Slavonic site)
  • Riva dei Ragusei (Ragusa, now Dobrovnic community site)
  • Fondaco dei Turchi (Turks Trade Centre)
  • Fondaco dei Tedeschi (German Trade Centre)
  • Calle delle Turchette (Turkish women site)
  • Calle dei Tedeschi (German site)
  • Calle degli Albanesi (Albanese community site)
  • Ponte dei Greci (Greek Community site)
  • Fondamenta degli Ormesini (Ormesini means someone or something coming from Hormuz, between Oman and Persia: in Venice “ormesino” was a type of wool coming from that land)
  • Campo dei Mori (3 brothers, coming from Morea: Toni Rioba, Alfani and Sandi, merchants, immigrants in Venice in 1112): They bild Palazzo Mastelli, named also Camel Palace, to underline their “Levantine” origin (near the Palace, there is also a little fountain named “Arabian fountain”)
  • Palazzo Labia della famiglia catalana dei Labia (provenivano da Girona), accepted as member of the Venetian Aristocracy in 1646
  • Palazzo Grassi (of the family Grassi, coming from Chioggia or perhaps Genoa) accepted as member of the Venetian Aristocracy in 1718)
  • Schermata 2014-03-20 alle 08.21.48Ca’ Rezzonico (of the family Widmann, a noble family coming from Carinthia, who was accepted as member of the Venetian Aristocracy in 1646.

Denominations of the roads and “calli” dedicated to Crafts and labor, much more than personalities or other abstract names

Crafts and labour were honored and also for them city named streets, squares and sites.

We can find in Venice roads and call dedicated to Crafts: Fuser (weavers), Fabric (blacksmiths), Furtado (fruitier), Cirri (wax-chandlers), Tint or (dyer), Pastor (baker), Cored (rope-maker), Tagiapiera (stonemason), Calegher (shoemaker), Cerchieri (hoop-makers).

Some roads and calli are dedicated to Labour: Carbon (coal site), Olio (oil site),Vin (wine site), Lana (wool site), Masena (mill site), Squero (boatyard), Orti (vegetables site), Frezzerie (arrows’ site), Spadaria (swords’ site), Mercerie (clothes’site), Fiuberia (buckles’site), Pestrin (milkman ?),

Many streets and squares (calli and campielli) are devoted much more to crafts and labour than to the saints and famous men

It is an example of the relevance and priority of the “labour” in the history of the ancient Venice Republic.

The capitals of the Ducal Palace show the values table of the Republic: many of them represent the major arts and crafts, in honour of the labour as foundation of the wealth and strengths of the state, especially from the capital 17 to 25.

Conclusion

From all the considerations I exposed, a question arises strikingly: Venice, with its history and long independence, with its governance style, can be compatible with the rest of Italy, dominated a long time by kings and feudal governments, unified with false plebiscites, occupied by the Reign of Piedmont with depredation, with many regions still oppressed by criminality and mafias, which are invading even the rest of the nation and penetrating in our region to plunder and raid the wealth created by our past generations and to damage the quality of our social capital? Our state is weak, often even complicit with all these criminal associations, coming from south Italy and abroad (Nigeria, Albania, Romania, Bulgaria, Bosnia, Russia, Morocco etc.). If we stay inactive, in a few years we will witness the decline and destruction of our great civilization and its beauty will be disfigured for ever. If Venice and our cities of Veneto Region will look like some cities dominated by the mafias, we will find waste everywhere and people will be submitted to the fear industry. Our social capital will disappear: Veneto region at present is the first region for the quality of its social capital (composed by social cooperatives, associations, voluntary communities, industrial districts, religious and ethic attitudes, civic responsibility etc.): the Campania is the last one, together with all the regions dominated by mafias and corrupted political and bureaucratic classes. Even if corruption and the predatory, avid politicians and bureaucrats are increasing also in our regions (Piedmont, Lombardy, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia elect.), even in Südtirol and Trentino, with a huge waste of the public money, exaggerated and unjustified payments, lifelong pensions, a lot of privileges etc., nevertheless an autonomous approach to the spending policy can be a brake for these bad practices: if each region can count only on its resources, with an independent strategy, a central state will have not the means to favour more the dissipative regions or towns than the virtuous ones.



[1] Director of the Economic History of OECD.

[2] In Congress, July 4, 1776.

[3] Notes on the State of Virginia, Query 13, 120—21,1784.

[4] The Founders’ Constitution. Volume 1, Chapter 4, Document 34,The University of Chicago Press. Even if Jefferson doesn’t consider the Venetian form of government absolutely like best, nevertheless, in comparison with all other forms in force in his times, Venetian Republic was an appreciated (and unique) exception.

[5] Frederic C. Lane, Venice. A Maritime Republic, John Hopkins University Press, 1973. It is the basic text to achieve a complete and accountable documentation on the history of Venice. Italian translation is: Frederic C. Lane, Storia di Venezia, Einaudi 1991.


Categories
  • Uncorrect, in 1866 the former Venetian REPUBLIC has been occupied by italy, after France and Austria, not the “veneto region”. veneto region was invented in 1972 BY italy.

    Davide Giaretta 20 marzo 2014 8:56
  • è tutto a senso unico : stanno facendo votare un referendum dove chi si vuole informare su questo sito sulle ragioni del NO. Troverà scritto : A breve pubblicheremo le ragioni del Comitato del No. Si, magari a votazioni terminate .
    Vi pare una cosa seria e sensata utilizzare un istituto democratico come il referendum in questa maniera solo per fare propaganda demagogica sui numeri dei votanti che votano solo di pancia sapendo qualche PRO e nessun CONTRO di tale voto ? Suvvia… se questo è l inizio , tanti auguri per il proseguimento.

    EMANUEL 20 marzo 2014 10:37
  • Emanuel, sembra che Lei si sia svegliato stamattina…
    invece io voglio informare tutti di non dare in questi giorni a nessuna agenzia che si presenta al telefono per offrirvi sconti su luce e gas e vi chiede il numero del vostro documento… soprassedete e rinviate ad altra data… non date a nessuno il numero della vostra carta d’identità se non ai numeri che voi avete chiamato per votare… diffidate di tutti quelli che si presentano per offerte allettanti… rinviateli ad altra data… la prudenza non è mai troppa!

    caterina 20 marzo 2014 10:57
  • Se io mi sono svegliato stamattina, se va a guardare altri miei commenti, non-è-proprio-da-stamattina, altri stanno ancora profondamente dormendo. E sonnambuli votano pure.

    EMANUEL 20 marzo 2014 11:02
  • Ps. quindi avendo il numero della Carta di Identità uno può votare (sia per il si che per il no) per un altro ? … grazie per la preziosa informazione. Ora mi chiarisco il numero enorme di elettori. Chissa quanti di loro non sanno neppure di aver votato. Basta avere un compiacente all ufficio anagrafe che ha tutte le copie delle Carte di Identità sottomano, e il gioco è fatto.

    EMANUEL 20 marzo 2014 11:06
  • EMANUEL però ora stai anche esagerando..sempre in questo sito c’è un bel articolo che spiega come non sia possibile taroccare i voti…tu hai dato dell'”ignoranti” a tutti coloro che votano si, e quindi io ti invito, di nuovo, ad informarti sulle cose prima di dire certe fesserie.
    Non c’è modo di falsificare i voti e chi sostiene il contrario 1- è disinformato 2- dice delle fesserie

    stefano 20 marzo 2014 11:16
  • emanuel, l’anagrafe italiana ha TUTTI i dati dei Veneti, ha già votato 5 milioni di NO ?
    un computer ha un IP, se da quello arrivan troppi voti, vengon sospesi… dormi tranquillo

    Sandro 20 marzo 2014 11:20
  • Mi dispiace, ma ti devo smentire Emanuel. Partendo dal presupposto che con un indirizzo e-mail non è tecnicamente possibile effettuare più di un voto perchè il sistema ti segnala come già registrato e ammettendo la possibilità di rubare identità. Su un milione e mezzo di voti quanti indirizzi di posta elettronica,fasulli, dovrebbero essere stati generati?

    Manuel Trevisan 20 marzo 2014 11:26
  • Grazie Stefano ancora per la tua pazienza e voglia di informare… ma mi giri un Link scritto dal promotore di questa iniziativa… Alè ohoho…
    Esempio : Berlusconi indice un referendum sulla sua persona… e dopo scrive pure un articolo pieno di tecnicismi difficilmente verificabili sulla attendibilità del sistema di voto da lui stesso voluto.. WOW !!
    Siamo ancora al problema d’origine, questo è un referendum a senso unico e autoreferenziale dove chi parla è solo chi lo supporta… hai voglia ad andare contro.
    @ Sandro : riavvi modem ed hai ogni volta un IP sempre nuovo.
    @ Manuel Trevisan : io di indirizzi ne dispongo già 5 (uno di lavoro, uno mio personale, uno trash che lascio in giro quando mi faccio le varie carte fedeltà, uno che avevo da adolescente) e per creare un indirizzo nuovo su hotmail, ci metti meno di 3 minuti. Fai un pò te i conti. E chiediti perchè un referendum esteso su una domenica e 5 GIORNI FERIALI ??? Dai che c’arrivi.

    EMANUEL 20 marzo 2014 11:48
  • Cioè perchè non un referendum indetto anche in due domeniche successive ??
    Perchè in comune mica ci si collega di domenica… Certo uno potrebbe portarsi a casa le fotocopie delle CI, ma hai voglia a buttare la domenica a fare ciò… meglio utilizzare il tempo a disposizione nei giorni feriali.
    MA VI E COSI DIFFICILE INTUIRLO ??

    EMANUEL 20 marzo 2014 11:51
  • Pur avendo votato si sono parzialmente d’accordo con Emanuel, nel senso che pubblicare le ragioni del no innanzitutto garantirebbe un’oggettività maggiore ed eliminerebbe la possibilità di tacciare di faziosità i referendum stesso.
    Per quanto riguarda le modalità di voto, la cosa è difficilmente verificabile da chi non ha pieno accesso o comunque non conosce i metodi di firewall del sistema. La cosa migliore da fare è esprimere la propria opinione, attendere la chiusura,attendere i metodi di conteggio e l’ufficializzazione gli organi preposti al controllo. Se questi non dovessero essere oggettivamente indipendenti o sufficientemente accurati questa consultazione sarebbe solamente aria fritta. Ho votato si, la prima volta, anche per dare un segnale all’informazione italiana (sono ad Atene e qui ne parlano molti studenti stranieri) i Italia quasi nessuno. Ho deciso di riporre la mia fiducia in queste persone che stanno portando avanti questa battaglia, capirò se ho fatto bene nei prossimi giorni.

    Per EMANUEL, il SILENZIO assordante che c’è in Italia è qualcosa che anche a te, se sei intellettualmente onesto, dovrebbe suscitare ribrezzo.

    Gianluca 20 marzo 2014 12:02
  • Paura eh emmanuel? Ti senti minoranza? Beh noi lo siamo stati per 148 anni in Itali e adesso ci prendiamo ciò che è nostro. Sei liberissimo di andartene, nessuno ti trattiene. Vai pure nella tua amata italia.

    gigi 20 marzo 2014 12:07
  • Emanuel ti danno dei codici per votare…svejate

    veroveneto 20 marzo 2014 12:13
  • Scusami ti danno un codice per persona e poi quando hai votato non puoi più votare

    veroveneto 20 marzo 2014 12:19
  • gente disonesta c’è sempre stata, ma a parte che è reato appropriarsi dell’identità di un altro ed è facilmente individuato l’autore perchè è facile risalirvi, le votazioni cartacee sono sempre state meno sicure di quelle digitali in corso ora…ogni volta che si è fin qui votato si è sempre sentito di brogli di qualche genere.

    caterina 20 marzo 2014 12:33
  • Qui non siamo in Italia. Siamo in Veneto e di brogli non vogliamo nemmeno sentir parlare per cui si pregano gli scettici o i sospettosi di astenersi dall’insinuare dubbi i provocazioni.
    TeneteVi i Vs. dubbi e confidate nei mafiosi tagliani.
    Noi siamo gente seria ed onesta e non vogliamo essere nemmeno lontanamente essere paragonati agli intrallazzi tagliani di vecchia e di moderna memoria.
    Noi siamo stati truffati nel 1866 ed ora ci riprendiamo quello che ci è stato R U B A T O !!!
    WSM

    giancarlo 20 marzo 2014 12:56
  • VERO VENETO ancora insisti ?
    Svejate ti te diria mi.
    Ti danno un codice per persona VERO.
    In internet se sono l impiegato comunale che ha mille CARTE di IDENTITA a disposizione in archivio.. quante persone diverse posso essere pur essendo una soltanto ?
    1000 ! Svejate, ma con te non c’è gusto.. vedo che non ci sei, non argomenti, e che parli senza leggere.
    Ti ripeto la tua firma la dice lunga su quanto obiettivo puoi essere.

    EMANUEL 20 marzo 2014 12:57
  • @Giancarlo mi fai morire. AHAHAHA !
    Tu parli con il NOI … wow.. tu che sei onniscente puoi mettere la mano sul fuoco per TUTTI i veneti.. eh si perchè l’italiano truffa, il veneto invece è il portatore di luce sano e onesto fino al midollo… WOW … ma come fai a dire cio? Ahahaah sei forte !
    Ma sai che faccio? io prendo buona parte dei vostri commenti. Senza modificarli ci faccio un libro di barzellette che andrà a ruba, e diventerò ricco . Continuate a rispondere in sta maniera qua… che vi ringrazierò uno ad uno.

    EMANUEL 20 marzo 2014 13:02
  • @ GIGI paura di che ? di uno che non sa neanche riportare il mio nome correttamente?
    Vai pure nella tua amata italia ? No, guarda io resto nel mio amato veneto, che non è tuo , ne mio ma di tutti, soprattutto quelli che non credono a questo progetto fazioso .
    Da come l ho percepita io, a voi basterà urlare Veneto Stato, senza se e senza ma. Anche fosse una merda piu grande dell Italia che abbandonate, ancora ancora vi andrebbe bene.. perchè l’importante è il Veneto Stato, poi come si farà, importa fino a un certo punto. Ed è li che pasciuti vi fare fregare da nuovi burocrati, parenti di parenti e solite storie, e i venessiani.. i fa pi paura (hai ragione infine, ho paura). Lo dico per esperienza.

    EMANUEL 20 marzo 2014 13:08
  • Emanuel ma quanti film di fantascienza guardi?secondo te uno in comune si prende la responsabilità di votare per mille persone a loro insaputa sapendo che è fuori legge quindi se preso viene processato per quale scopo?me lo spieghi tu?mi fai tanto ridere…sai che la barzelletta sei tu perché qua ridono tutti di te

    veroveneto 20 marzo 2014 13:13
  • Veroveneto ciao !
    Ancora tu che non leggi bene, non argomenti, e fai domande che hanno già una risposta.
    Chi è cosi stupido da farsi beccare rinchiuso in un ufficio a fare una cosa davanti al pc impossibile se non con un indagine approfondita della polizia postale che mai si scomoderà per questa baggianata di referendum ?
    Stiamo quindi parlando di un operazione a rischio zero. Sono felice di farti ridere, fatto vero. Ma che tutti ridano di me, fatto falso e non verificabile, sono le solite cose che vai raccontando pensando di sapere tutto. Bah …

    EMANUEL 20 marzo 2014 13:57
  • Sinceramente non vedo dove stia il problema Manuel, sicuramente ci sarà un contenzioso con lo stato italiano a seguito del referendum e i casi che si potranno verificare sono:
    1) Si tratta palesemente di una burla, il sistema fa acqua da tutte le parti, le votazioni sono state ripetute più volte. in questo caso noi che ci siam spesi ci sveglieremo da un piccolo sogno, e vabbè ce ne faremo una ragione
    2) Il referendum viene unanimamente riconosciuto valido dall’italia e dalla comunità internazionale. in questo caso sarà chi ha contestato o voleva il no che dovrà farsene una ragione.
    3) il caso più probabile è che vengano contestati parte dei voti perchè il sistema aveva delle falle ma non particolarmente rilevanti. Vorrà dire che organizzeremo un secondo referendum ufficiale tenendo conto delle osservazioni.
    Emanuel pensi davvero che se fosse organizzato un referendum ufficiale i veneti voterebbe in maniera diversa?

    Alessandro 20 marzo 2014 14:16
  • Emanuel, sai qual’ è il tuo problema? Sei stato contagiato fino al midollo da un sentimento di sfiducia che ti hanno inniettato la povera politica e i poveri politici ” italiani” , negli ultimi 20 anni! In questa indipendenza ” IO CI CREDO, IO HO FIDUCIA, SENTO ARIA DI CAMBIAMENTO” . L’ esperimento italiano di lavare i cervelli in te è riuscito benissimo!

    Manuel 20 marzo 2014 14:21
  • @Manuel.. invece è proprio il contrario ! Io sono in prima linea e non ho sfiducia !! Ma il cambiamento lo faccio io ! non me lo faccio imporre da nuovi personaggi che già mi fanno capire quanto … cialtroni … potranno essere in prospettiva… non seguo le bandiere.. quello lavato al cervello sei tu che con l indipendenza ti fanno credere al Veneto delle fiabe… alzati le maniche e parti tu.. non seguire sempre qualcuno. E almeno se vuoi seguire qualcuno informati bene bene bene.
    @Alessandro Spero tantissimo nella tua ipotesi numero 3. Perchè i veneti che hanno votato , non voteranno in maniera diversa.. ma quelli che hanno votato pur NON votando… ecco forse quelli si… e sono tanti.. non fatevi fregare dai numeri. Non sono andati a votare tutti quelli che risultano votanti. Mi dispiace per chi ci sta credendo.

    EMANUEL 20 marzo 2014 14:38
  • ascoltami bene emanuel, io non intendo offendere o dire nulla di male di nessuno.
    volevo solo dire una cosa, se una persona vuole votare LEGALMENTE ovvero dal suo pc con la sua carta d’ identità e vede che quella carta ha già un account ed ha già votato non credi che gli venga qualche dubbio? a me me ne verrebbero molti, e avviserei anche le autorità.
    sostenendo la tua ipotesi che di voti onesti ce ne siano per esempio 200000, quanto tempo potrebbe impiegare un gruppo di impiegati comunali (completamente loschi ed imbroglioni, mettiamo 100 stando alti) a fare 1200000 voti? ognuno dovrebbe fare 12000 voti, ovvero dato che per votare ci vogliono circa 10 minuti e per fare la mail altri 3 poi bisogna aspettare l’ arrivo della mail, facciamo 7 per arrotondare ma di solito sono di più arriviamo a venti. 7
    ora 2 calcoli 12000 x 20 = 240000 minuti necessari
    240000/60 = 4000 ore necessarie
    4000 / 24 = 166.6 periodico giorni necessari
    quindi se gli impiegati loschi fossero 100 ci vorrebbero circa 5 mesi per fare queste votazioni senza mai dormire o fermarsi, se gli impiegati fossero 1000 ci vorrebbero 16 giorni. quindi secondo te ci sono 4000 impiegati comunali che passano la giornata e la notte a fare questo lavoro?
    e poi dici di riavviare il modem… vai in un comune grande come quello di Padova, Verona o Vicenza e stacca la connessione per 30 secondi ogni dieci voti e guarda se non si scatena il caos perchè non funzionano le linee. per non parlare del tempo, nel caso fossero 4000 impiegati loschi sarebbero 30000 voti a testa, 30000 / 10 = 3000 necessità di riavviare il modem
    3000 x 30 = 90000 secondi che equivalgono a 1500 minuti che a loro volta sono 25 ore, quindi gli impiegati loschi dovrebbero essere almeno 5000 per stare dentro ai tempi, per non parlare che dormono 7 ore in media e che lavorano onestamente senza fare questa pratica almeno 3 ore quindi 10 ore, ricapitolando il tempo necessario con 5000 impiegati loschi, che posseggono le fotocopie delle carte d’ identità è di : 825 ore che equivalgono a 34.375 giorni
    allora gli impiegati dovrebbero essere più di 10000,
    per favore emanuel smettila con questa commedia e renditi conto che quello che hai scritto tu è umanamente impossibile grazie ai due calcoli fatti sopra.
    un saluto

    ignoto 20 marzo 2014 14:45
  • Tutto vero tutto giusto , ma quando si parla di matematica bisogna stare attenti a non partire da basi e dati sbagliati :
    Ho mai detto che TUTTI i voti sono fasulli ?
    Tu sei partito da questo concetto e hai iniziato a fare i calcoli… peccato perchè io penso che ci sia un gran numero di persone che sia andato a votare ma che NON è quello che risulta dai dati ufficiali.
    Quindi se vuoi rifai i calcoli dividendo tutto per metà..
    Ci sono 597 comuni in Veneto, quasi 5milioni di persone. Se è vero come è vero che hanno votato 1.300.000 persone , vuol dire che tolti i quelli che non possono votare (minorenni, minorati, persone troppo anziane per recarsi a votare, degenti in ospedale eccetera), o quelli che non vogliono ovvero 500.000 immigrati che magari non ben vedono questo affare… mi spieghi su una popolazione attiva di 4 milioni di abitanti com’è possibile che uno su 3 sia andato a votare quando , ripeto nemmeno Renzie ha mobilitato tanto in Italia, e come più spesso vi state autoflaggellando, nessuno in teoria ne ha parlato e ne sta parlando ?
    Quindi i calcoli fatti sopra sono da rifare… e se prendi un ragazzino mezzo informatico a cui vengono passate le fotocopie di tali documenti vedi che li dovrai rifare ancora …e parlo per me e tutti quelli che ho intervistato finora… la percezione è ben lontana dall 1su3 votanti, ho chiamato anche in altre province per non pensare io di essere in un isola (Limena a Padova) dove le notizie non arrivano.
    Cioè è come dire che chi ha votato PD alle ultime elezioni ora sta votando questa farsa di deriva separatista che fortemente profuma da cadavere riesumato di una Lega ormai estinta.
    Per favore… facciamo i seri e ragionamo sui numeri, che ne hai sparati tanti, ma alla fin fine…

    EMANUEL 20 marzo 2014 15:05
  • Vorrei ricordare solo una cosa a chi dice che questo referendum è una farsa!!! Fin d’ora abbiamo votato in matita in Italia!!!!!!!!!!!!!!!
    E i NO trovateveli da SOLI!!! Perché non ci sono per me!!

    MATTEO 20 marzo 2014 15:16
  • Emanuel mi sembra qualcuno di fisso della Zanzara, tichignoso, puntuto che è un piacere per una radio di intrattenimento e di sberleffo…avrà qualche aspirazione recondita…ogni strumento gli viene bene per farsi pubblicità! facciamogli gli auguri…

    caterina 20 marzo 2014 15:19
  • Emanuel, io vivo a Londra percui non ho molto il polso della situazione però ho notato che in effetti i miei coetani trentenni hanno in gran parte snobbato il referendum e hanno reagito esattamente come te. Mentre quando l’ho detto a mia nonna questa si è subito attivata e ha iniziato il passaparola e ti assicuro che mia nonna ha una capacità di mobilitazione maggiore di Renzi.
    Mi sembra che questa iniziativa abbia avuto maggior riscontro nella parte più adulta, quando non anziana, della popolazione mentre nei giovani, sopratutto nei centri urbani, ha avuto poco appeal.

    Per gli altri vorrei dire che è lecito e opportuno porsi dei dubbi sulla legittimità di questo referendum, se s’ha da fare l’indipendenza dobbiamo essere al 150% sicuri del risultato. Anch’io condivido alcune osservazioni di Emanuel, anche ora trovo alcunato bizzarro che alla fine siamo solo in quattro gatti qui a scrivere su questo blog…

    Alessandro 20 marzo 2014 15:36
  • Suggerirei agli organizzatori di evitare di postare articoli che, come questo, sono in un inglese maccheronico e sgrammaticato (tipo “refuse of the feudalism”) tanto più se poi firmati da qualcuno che si proclama pomposamente docente universitario, scrittore e filosofo. Ci fanno solamente fare brutta figura con i mezzi d’informazione stranieri. Avete persone che sanno l’inglese nella vostra squadra, come Lodovico Pizzati – fate fare loro prima un controllo!

    Anonimo 20 marzo 2014 15:42
  • Alessandro, sui forum scrivono sempre e solo in quattro gatti, un campione del tutto non rappresentativo della societa’, e parlo di forum “impegnati” su politica, meteo o storia, figuriamoci come commentatori ad un sito. Io sono in una breve pausa sul lavoro, e vedendo il tuo commento, vorrei tranquillizzarti, dato che su questi siti spesso divento anche io uno della maggioranza silenziosa (commentare costa tempo e rogne). Inoltre credo che ognuno abbia le sue esperienze: io ho trovato invece molto piu’ interesse tra i miei coetanei 30enni, che nella generazione dei miei genitori. E posso confermare, sia per me che per amici, che sia i favorevoli (e votanti) che i contrari sono trasversali, a volte anche in maniera insospettabile (tipico esempio, elettore PD che conosci da una vita, e che ti sorprende dicendo di aver votato SI’).
    Quanto ai brogli: perche’, con le schede non si possono fare? O qualcuno crede ancora che nel 1866 il voto sia stato a maggioranza e con criteri democratici moderni? E’ molto piu’ difficile, paradossalmente, farlo qui, con la proclamazione in tempo reale dei voti: qualcuno ha gia’ fatto il conto del tempo necessario per tutti; ma anche fossero solo una buona parte, il discorso non regge. Vogliamo quantificare una buona volta il presunto broglio? 1 milione? 100mila? 10mila? Magari imbrogliare col rischio di finire poco sotto il quorum?
    No, la sorpresa e’ totale, nemmeno io mi attendevo piu’ di 100mila voti e mi consideravo ottimista: ma il tam-tam e’ reale, i normali canali mediatici (TV e giornali) si sono dimostrati obsoleti ed inutili, e il popolo ha preso la parola direttamente ed in senso letterale.

    P.S. Anonimo, ho letto poco del pezzo in questione, ma ti devo dare ragione!

    Filippo83 20 marzo 2014 16:00
  • “tipico esempio, elettore PD che conosci da una vita, e che ti sorprende dicendo di aver votato SI’” Eccolo! Ho scioccato una marea di amici con l’appoggio alla causa ahah

    Alessandro 20 marzo 2014 17:48
  • emanuel, io avevo inteso male, scusa, solo che sono speranzoso in questo referendum quindi mi sono fato prendere la mano. porgo le mie scuse.
    ricordiamoci comunque che siamo in un sito pubblico e l’ educazione non è un optional.
    io non avrei mai creduto che i voti sarebbero stati cosi’ alti ma in realtà credo di sì, anche se ci fossero 1000 voti falsi ormai farebbero poca differenza, comunque una sola domanda per emanuel, sei libero di non rispondere: tu se sei veneto hai votato per l’ indipendenza? io credo di sì, comunque mancano circa 500 mila voti, e sono molti. contendo che la maggior parte delle persone ha votato i primi 3 giorni, oggi c’e’ stato un afflusso di 300 mila voti, secondo me il referendum doveva essere prolungato e pubblicizzato ma non reputo la vittoria impossibile anzi

    ignoto 20 marzo 2014 18:11
  • comunque emanuel non credere che un ragazzino mezzo informatico possa hackerare un sistema sicuro?
    fonti: sono un programmatore

    ignoto 20 marzo 2014 18:15
  • Emanuel sei bravo ad arrampicarti sugli specchi sei tanto bravo a scrivere che anche qualcuno ti crede ma lo sai anche tu che stai dicendo cazzate forse perché avrai una poltrona bella calda e sai di perderla…non argomento con te perché tutte le domande e dubbi li trovi proprio negli articoli che commenti…forse sei tu che non leggi(anzi fai apposta)da ora in poi quelli come te che scrivono cazzate li

    veroveneto 20 marzo 2014 20:41
  • Ignoro

    veroveneto 20 marzo 2014 20:42
  • io dico solo che era ora
    speriamo non sia solo un gesto simbolico ma che sia l’inizio di una presa di coscienza da parte della popolazione e che porti effettivamente a qualcosa.
    A tutti gli scettici chiedo solamente di parlare con la gente per strada e farsi un’idea di quanti abbiano votato alla faccia di tutti i sistemi di informazione che hanno boicottato la cosa.

    tommaso 20 marzo 2014 22:07
  • ma chi ha detto che gli immigrati sono per il NO???? I trentenni veneti sono rassegnati e magari non credono che ci lasceranno mai andare via magari non hanno votato, ma gli extracomunitari hanno ancora speranze…

    Alessandro 21 marzo 2014 11:57
  • @Emanuel (particoearmente). Se se vero che i voti xe in larga parte falsi e che el popoeo Veneto no xe nda votare, de cosa te preocupito? no sucede miga gnente. Invese, se xe vero che, pur esendo boicota’ da tuti i mass-media, 60+% dei Veneti se ga scomoda’ votare, e conseguense sara’ evidenti. Tra e tante, presto se tornara’ votare e se gavara’ conferma del voto de sti jorni. P.S. traduco voentieri se no te capisi el Veneto/ I’ll translate with pleasure if you so not understand Venetian/ Jag översätta gärna om du inte förstår Venetiansk/ Traduco volentieri se non capisci il Veneto.

    Mirko 23 marzo 2014 0:00

Love me with a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *